Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

confermate


pubblicato da Libero Quotidiano

Alfano: "Primarie confermate". Cosa farà Berlusconi?

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Alla fine la data del 16 dicembre è stata confermata. E quel giorno si terranno le primarie del Pdl. A dare la notizia è stato l’ex ministro Maurizio Sacconi, uscendo dal vertice romano dei delegati provinciali e regionali a Roma. A 24 ore dalle dichiarazioni di Angelino Alfano, che definiva “impraticabile” quella data “alla luce dell’ipotesi di elezioni anticipate accorpate alle regionali”, il partito cambia rotta e smentisce apertamente la posizione del suo segretario. Non solo. Nel momento in cui i coordinatori prendevano questa decisione nel corso di una riunione convocata dallo stesso Alfano, l’ex ministro della Giustizia stava incontrando Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli e non ha quindi nemmeno partecipato alla decisione.

A quasi (questione di giorni) undici anni dal tragico G8 di Genova sono state confermate in via definitiva le condanne per falso aggravato inflitte agli alti funzionari di polizia coinvolti nelle violenze alla scuola Diaz risalenti al 21 luglio 2001. Lo ha deciso la quinta sezione penale della Cassazione. Nel dettaglio, la suprema corte ha confermato l’impianto accusatorio della Corte d’Appello di Genova del 18 maggio 2010. Convalidata la condanna a 4 anni per Francesco Gratteri, attuale capo del dipartimento centrale anticrimine della Polizia. Convalidati i 4 anni per Giovanni Luperi, vicedirettore Ucigos ai tempi del G8 e oggi capo del reparto analisi dell’Aisi (Agenzia informazioni e sicurezza interna), i 3 anni e 8 mesi a Gilberto Caldarozzi, attuale capo dello Sco (Servizio centrale operativo). Convalidata anche la condanna a 5 anni per Vincenzo Canterini, ex dirigente del reparto mobile di Roma.

La conferma delle condanne comporterà la sospensione dal servizio per i funzionari dal momento che nei loro confronti è stata applicata la pena accessoria della interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. Prescritti, invece, i reati di lesioni gravi contestati a nove agenti appartenenti al settimo nucleo speciale della Mobile all’epoca dei fatti. 

Archivi