Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

contempo

Esistono luoghi che prima di assumere una precisa connotazione geografica sono luoghi della memoria, spazi che sono anche un tempo, momento storico definito e al contempo universali depositari di una particolare condizione umana. A pochi metri di distanza dalle rocce dure del Carso, vicino alle trincee ungarettiane della Grande Guerra, nel Friuli viscerale paradiso perduto di Pasolini, Paolo Rossi c’è nato, ma come spesso capita solo la distanza può aiutare a recuperare uno sguardo distratto su ciò che è più familiare e quotidiano. Così ha deciso di tornare in teatro e portarci la sua terra, in un anelito di necessità di catarsi, sulle orme del passato, in previsione di una rinascita.

Lo immagino alla scrivania con la sua lettera 22, mentre le dita colpiscono velocissime i tasti, regalando alla pagina bianca un’anima.

Lo trovo lì, sulla poltrona, mentre i suoi pensieri si agitano in un’irrequieta fucina di idee. Roboante ed al contempo elegante: così me lo figuro.

Posso solo immaginarlo perché non ho avuto il piacere di conoscerlo: a volte il tempo è tiranno e non mi ha concesso questo onore.

Mi ha concesso però di poter muovere i primi passi da giornalista nel suo paese natale e mi ha concesso anche di poter fare un viaggio nel suo mondo, visitando le stanze presso la Fondazione Montanelli Bassi.

Archivi