140504622 aeb46755 0ac2 4218 94de 7417b15a36a2

Decreto Sostegni, il governo chiede la fiducia. Stop alla cessione dei crediti su investimenti e bonus mobili

MILANO – Il governo Draghi ha posto la fiducia sull’approvazione del decreto Sostegni, il primo intervento del nuovo esecutivo a favore delle imprese e famiglie che hanno subito un colpo dalla pandemia del Covid. Il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, ha posto a nome del governo la questione di fiducia sul maxi-emendamento interamente sostitutivo del testo, che – ha spiegato il ministro – recepisce le modifiche approvate durante l’esame delle commissioni Bilancio e Finanleggi di più…

110021276 10a8d922 61cb 4a27 9164 4659814c117e

Decreto sostegni, stop a prima rata Imu per le imprese con fatturato in calo del 30%. Fondo per separati in difficoltà con il mantenimento

MILANO –  Mentre proseguono le limature sul decreto sostegni bis, conclude l’esame in commissioni Bilancio e Finanze il primo decreto sostegni, atteso in aula domani. Tra gli ultimi emendamenti approvati entrano alcune misure inseriti anche nella bozza del provvedimento non ancora varato. A partire dall’esenzione al pagamento della prima rata Imu per le imprese che lo scorso anno hanno subito perfdire. La misura approvata prevede per chi ha cali di fatturato del 30% rispetto al 2019 l’esonero leggi di più…

142058837 b5aee351 9412 4ed0 aa3f 746be4a1b0d8

Va libera dal Cdm al decreto sulle proroghe. Smart working nella Pa, niente obbligo per il 50% dei dipendenti

MILANO – Il Consiglio dei ministri ha deciso di aggiornarsi al pomeriggio per l’approvazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza definitivo da 248 miliardi che deve ricevere il via libera prima della trasmissione alla Commissione europea. Serve ancora un confronto tra Governo e Regioni sul decreto legge che contiene il fondo complementare nazionale da 30 miliardi allegato al Recovery plan: passaggio che sarebbe stato richiesto in Cdm dalla ministra per gli Affari regionali Gelmini, senzleggi di più…

171049471 74b5d698 7224 48bc 9dc6 3c0a607825d9

Recovery Plan, entro fine luglio la legge delega sul fisco. Decreto Semplificazioni a inizio maggio

MILANO – Si comincia già a delineare la tabella di marcia  per mettere in pratica quanto previsto dal governo nel Recovery Plan. A partire dal fisco, con l’esecutivo che – si legge nel testo inviato al Parlamento  – si impegna a presentare al Parlamento entro il 31 luglio 2021 una legge di delega da attuarsi per il tramite di uno o più decreti legislativi delegati” per la riforma fiscale.”La riforma fiscale è tra le azioni chiave per dare risposta alle debolezze strutturali del Paese e in leggi di più…

151319894 b7167f28 af85 42a5 bc95 18761b21cd14

Decreto riaperture, salta riavvio dei centri commerciali nel week end. La Lega attacca: “Non ci siamo”. Meloni: “Correggere subito”

Le prime riaperture in zona gialla inizieranno lunedì 26 aprile. Poi si procederà per gradi. Così doveva essere, ma non è chiaro se sarà. In base a quanto stabilito nel decreto approvato nei giorni scorsi dal governo Draghi, i primi a rialzare le serrande con il servizio ai tavoli, all’aperto, saranno  ristoranti. Poi si procederà, a seconda dei dati epidemiologici, con le altre categorie. Ma, denunciano dalla Lega, i centri commericali non potranno riaprire nei fine settimana. “Non ci sileggi di più…

192312952 b3012ddf 8a05 4baa afeb 179c38096197

Decreto riaperture, Salvini ancora all’attacco: “Il coprifuoco alle 22 mette a rischio stagione Arena Verona”. Franceschini: “Non è vero”

Se non basta puntare i piedi bisogna trovare un altro grimaldello. Non sono sufficienti le proteste e gli avvertimenti alla maggioranza e all’esecutivo? Ecco allora perchè non puntare su altro e tentare la carta della cultura? Deve aver pensato così il leader della Lega, Matteo Salvini, se oggi per convincere il governo Draghi a rivedere la decisione di non modificare l’orario del coprifuoco nel decreto riaperture ha tirato in ballo l’Arena di Verona. Il Carroccio, così come i presidenti di leggi di più…

574d18c37d329bf066f13b962d18c22c

Alitalia: 50 milioni salva-stipendi nel nuovo decreto Covid

Arrivano 50 milioni salva-stipendi per Alitalia. Il governo nel decreto Covid approvato ieri sera dal Consiglio dei Ministri – secondo quanto si apprende – ha inserito un articolo con il quale ‘anticipa’ una parte dei ”ristori” previsti in favore della compagnia italiana per i mancati guadagni relativi al 2020. Al momento i rimborsi relativi alle ‘perdite’ da Covid per il 2020 sono stimati in circa 350 milioni, 195 milioni dei quali già girati per coprire i mancati guadagni fino al 30 giugno leggi di più…

105122680 608e21df 6a8a 4be3 a8d4 29281492e625

Decreto riaperture, ira delle Regioni su coprifuoco e scuola. Fedriga: “Grave cambiare in cdm accordo già siglato”

Ira delle Regioni contro il governo sul decreto per le riaperture definito ieri in cdm, con lo strappo della Lega che ha deciso di non votare il provvedimento. Prima della riunione del governo le Regioni avevano chiesto all’unanimità con una nota di spostare il coprifuoco alle 23 e non fare distinzione tra ristoranti al chiuso e all’aperto. Ma il no dell’esecutivo è stato irremovibile. Per questo il presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga ha convocato per oggi una riunileggi di più…

093819167 098336cb 5c12 4495 b29a 5127572b68ba

Nuovo decreto sulle riaperture, battaglia sul coprifuoco. Fedriga insiste: “Spostiamolo alle 23”

Sui contenuti del nuovo decreto anti-Covid, quello che entrerà in vigore a partire da lunedì 26 aprile, c’è ancora distanza tra le Regioni e l’esecutivo guidato da Mario Draghi. Il governatore del Veneto Luca Zaia, quello della Liguria, Giovanni Toti, e anche gli altri presidenti di Regione hanno chiesto al governo di rivedere la misura del coprifuoco delle 22. Oggi, però, si entra in Consiglio dei ministri ribadendo questa norma, ha spiegato il ministro della Salute, Roberto Speranza. La releggi di più…

191452469 f49e68cc 9fec 4d62 b827 f3971d9e60fa

Nuovo decreto di Draghi sulle riaperture: dal 26 aprile tornano le regioni gialle, pass per spostarsi, Dad fino al 50% nelle zone rosse

Ecco le principali novità contenute nella bozza di decreto che il governo sta mettendo a punto dopo l’incontro con le Regioni e in attesa del Consiglio dei ministri di domani. La bozza è ancora suscettibile di modifiche. Le misure, scaglionate a partire dal 26 aprile, dovrebbero avere  validità fino al 31 luglio. Fino a questa data, infatti, dovrebbe essere disposta la proroga dello stato d’emergenza Covid.
Gli spostamenti
Gli spostamenti verso le zone arancioni o rosse sono consentiti con lleggi di più…