Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

dedica

largo-giorgio-ambrosolilargo-giorgio-ambrosoliSapevo da tempo, l’intitolazione era infatti avvenuta durante le precedenti amministrazioni, della dedica di una piazza all’interno della villa Paganini, piccolo e bel parco pubblico sulla via Nomentana a Roma a Giorgio Ambrosoli, l’eroe borghese che non si era piegato ai poteri collusi con la malavita internazionale. Solo due giorni fa ho potuto vedere che i viali del giardino sono dedicati a illustri uomini che hanno combattuto anche a prezzo della loro vita la malavita organizzata.

Il primo viale che si incontra è dedicato a Massimo D’Antona ucciso nel 1999 dalle Brigate Rosse.

Il tormentone del sudcoreano Psy Gangnam Style reinterpretato da Maurizio Crozza per il suo: Crozza ne Paese delle meraviglie. Il protagonista della nuova versione; l’ex premier Silvio Berlusconi, alle prese con il Pdl in crisi. Nel suo show in onda su La7, il comico genovese parla del ritorno in campo del Cav: “Ha già depositato 9 nomi probabili del nuovo partito…”. Per quanto riguarda il futuro del partito di Berlusconi, Crozza ha poi aggiunto: “Nel PDL sono completamente allo sbando: hanno perso credibilità nei confronti dei loro elettori, dei giornalisti, dei talk Show. Non se li fila più nemmeno il maggiordomo di Bruno Vespa“. 

Crozza: “Il Pdl allo sbando”. Guarda il video su Libero Tv

Crozza imita il Cav e propone 9 nomi per il suo partito. Guarda il video su Libero Tv

Marco Travaglio dedica oggi il suo editoriale per attaccare Repubblica che si è permessa ieri di dare del “fascistone” a Beppe Grillo. Non si doveva permettere Francesco Merlo di pubblicare l’antologia dei peggiori commenti apparsi sul blog del leader del Movimento Cinque Stelle. Commenti che sono serviti al giornalista per mettere in guardia i lettori contro i terribili rischi che corre l’Italia a causa della gogna messa su da Grillo e dalla sua setta.

Travaglio non ci sta a veder definito nero su bianco il comico genovese come un fascistone che “brucia simbolicamente il nemico”, come un terrorista che emette “comunicati con la numerazione progressiva come le Br”, come “l’erede del giornalismo berlusconiano: disprezzo, insulto, gogna, neppure una parola ispirata alla vera carità”. E allora che fa? Si mette a fare un lungo elenco di giornalisti, di oggi e del passato, che, secondo lui, come Grillo storpiano i nomi per ferire gli avversari. E per dimostrare che non è vero che “il nome storpiato è una tencica antica della destra italiana”, cita Fortebraccio, Sergio Saviane, Michele Serra e perfino Roberto Benigni. “Tutti fascistoni a loro insaputa?”, si chiede Travaglio che poi però si risponde da solo: No. “Forse Merlo è di cattivo umore, o semplicemente ha mangiato pesante”.

Il corteggiamento alla Lega prosegue e si tinge di ironia. Roberto Formigoni, presidente uscente della Regione Lombardia, dedica la prima pagina della sua newsletter FORnews al Carroccio: “Non fare la zitella”, è il titolo d’apertura a corredo della foto di una donna dall’aria sostenuta vestita di verde. Il tema è quello delle prossime regionali: il Pdl, Formigoni in testa, vuole coalizzare i moderati intorno al nome di Gabriele Albertini; i leghisti, al contrario, pongono come condizione esclusiva per l’alleanza elettorale la candidatura dell’ex ministro degli Interni, Roberto Maroni. Altrimenti vanno da soli. La trovata di Formigoni, ora, aiuterà il dialogo?


pubblicato da Libero Quotidiano

“Mi avete sollevato lungo il cammino”. In uno dei passaggi più “lirici” del suo discorso da presidente rieletto, Barack Obama si rivolge a loro, ai volontari che ancora una volta, macchina da guerra pacifica, gli hanno permesso, contro ogni ragionevole dubbio, di tornare alla Casa Bianca.

Sono lì, assiepati al McCornick Plaza, avendo dovuto rinunciare, per ragioni di sicurezza, alla festa all’aperto; sono tanti e per ore segnano l’arrivo di ogni “numero positivo” con un’esplosione di gioia.

Elsa Fornero dice quello che pensa. Infatti il problema non è quello che dice, ma proprio quello che pensa!”. Maurizio Crozza risponde per le rime alla Fornero. Secondo il ministro del Lavoro i ragazzi sono troppo choosy, schizzinosi? Allora il comico genovese le dedica un’irriverente canzoncina (trasformando il classico siciliano Ciuri ciuri in Choosy choosy). La Elsa dalla lacrima facile invita i giovani ad accettare il primo impiego che capita per poi “vedere da dentro” il mondo del lavoro? E Crozza le chiede cosa dovrebbero vedere: “Che fuori le banche sono più choosy e il mutuo non glielo fanno?”. Il siparietto che l’attore dedica alla Fornero si conclude con una felicitaizone per il governo dei Prof: “Ai giovani è stato detto che sono bamboccioni, sfigati – osserva – ora pure schizzinosi: meglio per voi – conclude – altrimenti verrebbero a farci un choosy grande quanto una casa”.

Nel suo usuale appuntamento con la copertina intoduttiva a Ballarò, Crozza non risparmia nessuno: ne ha anche per Claudio Scajola, indagato nell’inchiesta Finmeccanica, e per Silvio Berlusconi, a pochi giorni dal suo intervento durante il processo Ruby-bis.

Si chiama Yang Shiguang, ha 76 anni, e da quando ne ha 70 si dedica con impegno e dedizione alla pratica dell Yoga. Eccolo mentre si esercita in un parco sportivo in Cina.


pubblicato da Libero Quotidiano

Yoga a 76 anni: ecco il vecchietto snodato

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Affile, piccolo comune laziale, è finito al centro della bufera a causa di un mausoleo, inaugurato l’11 agosto, dedicato alla memoria del Maresciallo Rodolfo Graziani che, tra il 1943 e il 1945, fu ministro della Difesa della Repubblica Sociale Italiana. Il sacrario è stato costruito grazie alla ferma volontà del sindaco del paese, Ettore Viri, e ha innescato furiose polemiche non solo in Italia, ma anche oltre confine. Viri risponde alle accuse e, tramite l’Adnkronos, spiega le ragioni di una scelta fatta per ricordare un concittadino illustre. “Graziani è solo il nostro concittadino più famoso ed era colonnello già prima dell’avvento del Fascismo: se la storia avesse avuto un corso diverso noi lo avremmo celebrato lo stesso nel nostro parco dove c’è uno spazio dedicato a tutti i soldati”.
  
Il caso internazionale – Una vicenda che ha portato Affile sulle pagine del New York Times. Nella Grande Mela si è parlato del piccolo comune laziale in seguito alla pubblicazione di un articolo del New York Times che dava ampio spazio al “tributo al Maresciallo che ha riacceso il dibattito sul passato fascista dell’Italia. Alle parole del New York Times, il primo cittadino replica orgoglioso: “E’ solo tanta pubbilcità e non può che non farci piacere perchè qui non abbiamo solo Rodolfo Graziani, ma tante bellezze da visitare”.

Un Gianni Morandi inedito quello arrivato da poche ore al Festival del film di Locarno, in qualità di attore, ma anche di musicista. Infatti, come poteva il ragazzo di Monghidoro perdere l’occasione di imbracciare la chitarra per la gioia degli ottomila presenti in Piazza Grande a Locarno.

E così, vuoi per l’assonanza tra la toponomastica locale e l’omonima canzone dell’amico, vuoi per gli occhi “verdi come il mare” di Ornella Muti, a cui stasera il Festival porta omaggio, o semplicemente per ricordare il collega scomparso proprio in Svizzera, a Montreaux, lo scorso marzo, la scelta del brano da cantare a scesa su “Caruso” di Lucio Dalla, pezzo amatissimo nel mondo, che Morandi ha provato oggi pomeriggio in soundcheck e che riproporra’ sul palcoscenico di Locarno verso le 22.
Domani mattina a Locarno Morandi presenzierà alla conferenza stampa di presentazione e alla prima ufficiale di “I padroni di casa”, il suo nuovo film, girato tra i colli bolognesi e diretto da Edoardo Gabbriellini.

A Nogent-sur-Marne, nell’Est della Francia, i tecnici hanno istallato una statua di bronzo dell’ex premiere dame Carla Bruni. Alta due metri, al momento l’opera è nascosta da un telo in attesa dell’inaugurazione, prevista per il 21 settembre. La statua, comunque, ha già scatenato infuocate polemiche. Soprattutto perché la Bruni è rappresentata nelle vesti di un’operaia italiana. Come ispirarsi a Cassano per una statua di Dante Alighieri.


pubblicato da Libero Quotidiano

La Francia dedica una statua a Carlà Ma l'ex modella diventa un'operia E scatta lo sfottò

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Archivi