Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

distribuzione

L’azienda produttrice di liquori tipici Villa Massa rafforza la sua presenza distributiva in Italia grazie ad un contratto di commercializzazione in esclusiva per il mercato italiano dell’intera gamma di prodotti a marchio Villa Massa, a partire dall’omonimo ‘Liquore di limone di Sorrento’. “Il marchio Villa Massa ben si inserisce nel portafoglio di Campari Wines andando ad affiancarsi al mirto di Sardegna Zedda Piras nell’offerta di prodotti di qualità per il dopo pasto: eccellenze regionali, ma con distribuzione e leadership nazionali – commenta Andrea Montorfano, direttore del management di Campari Wines – . Confermiamo dunque ancora una volta la nostra strategia di crescita non solo a livello organico, ma anche attraverso nuovi accordi di distribuzione”. ‘L’accordo raggiunto con la società del Gruppo Campari si integra perfettamente nella strategia di crescita di Villa Massa – commenta a sua volta Raul Borreguero, amministratore delegato della società sorrentina – sia per il riconosciuto know-how Campari nella costruzione e consolidamento dei brand sia perchè riequilibrerà lo sbilanciamento verso l’estero delle nostre vendite che rappresentano oggi l’80% del fatturato totale”. Villa Massa viene fondata dai fratelli Sergio e Stefano Massa. La sede è a Piano di Sorrento, nel cuore della penisola sorrentina. L’azienda entra poi a far parte del gruppo spagnolo Diego Zamora nel 2006. I limoni che costituiscono la materia prima del prodotto di punta della casa provengono in parte da giardini di proprietà dell’azienda ed in parte da coltivazioni esterne, tutte controllate e tutte nell’ambito della penisola sorrentina. Villa Massa si aggiunge ai sette marchi di proprietà e alle sette cantine in distribuzione che permettono a Campari Wines di contare su un’offerta differenziata che abbraccia più segmenti di mercato.

Villa Massa rafforza la sua presenza distributiva in Italia grazie ad un contratto di commercializzazione in esclusiva per il mercato italiano dell’intera gamma di liquori a marchio Villa Massa, a partire dall’omonimo ‘Liquore di limone di Sorrento’.
“Il marchio Villa Massa ben si inserisce nel portafoglio di Campari Wines andando ad affiancarsi al mirto di Sardegna Zedda Piras nell’offerta di prodotti di qualità per il dopo pasto: eccellenze regionali, ma con distribuzione e leadership nazionali – commenta Andrea Montorfano, direttore del management di Campari Wines – . Confermiamo dunque ancora una volta la nostra strategia di crescita non solo a livello organico, ma anche attraverso nuovi accordi di distribuzione”.
“L’accordo raggiunto con la società del Gruppo Campari si integra perfettamente nella strategia di crescita di Villa Massa – commenta a sua volta Raul Borreguero, amministratore delegato della società sorrentina – sia per il riconosciuto know-how Campari nella costruzione e consolidamento dei brand sia perchè riequilibrerà lo sbilanciamento verso l’estero delle nostre vendite che rappresentano oggi l’80% del fatturato totale”.
Villa Massa è l’azienda italiana che produce il “Liquore di limone di Sorrento”, fondata dai fratelli Sergio e Stefano Massa. La sede è a Piano di Sorrento, nel cuore della penisola sorrentina. L’azienda entra poi a far parte del gruppo spagnolo Diego Zamora nel 2006. I limoni che costituiscono la materia prima del prodotto di punta della casa provengono in parte da giardini di proprietà dell’azienda ed in parte da coltivazioni esterne, tutte controllate e tutte nell’ambito della penisola sorrentina.
Villa Massa si aggiunge ai sette marchi di proprietà e alle sette cantine in distribuzione che permettono a Campari Wines di contare su un’offerta differenziata che abbraccia più segmenti di mercato.

Il bando del governo che sostiene l’attività di studiosi under 40 si chiude con il via a 294 progetti sui 2.826 presentati nel 2011: 152 le proposte del Nord, 99 del Centro Italia e 29 di Sud e isole, 14 idee di enti nazionali


Il ministero della Salute assegna fondi per 83 milioni di euro ai giovani ricercatori. Il bando che sostiene l’attività degli studiosi under 40, infatti, si chiude con la selezione di 294 progetti sui 2.826 presentati tra settembre e novembre del 2011. La distribuzione territoriale premia 152 proposte del Nord, 99 del Centro Italia e 29 di Sud e isole mentre 14 idee provengono direttamente da istituzioni nazionali. Le aree di eccellenza, con punteggi da 4 – 6 (il punteggio di 4 è il migliore possibile) sono neuroscienze, oncologia, sistemi sanitari, malattie muscolo-scheletriche, genomica e genetica. L’elenco completo dei progetti premiati sarà reso pubblico nel corso della prossima settimana.

Archivi