Amantea, l’esercito controllerà gli immigrati positivi

REGGIO CALABRIA – Alla fine ad Amantea si è deciso di schierare l’esercito. Dopo un’intera giornata di tensioni, blocchi stradali, proteste e sit-in contro il trasferimento in paese dei 28 migranti bengalesi salvati dal Mediterraneo, di cui 13 risultati positivi al Covid19, la Prefettura di Cosenza ha deciso di affidare ai militari la sicurezza della struttura in cui sono ospitati.Dal capoluogo bruzio, dove sono impiegate nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” – si è deciso leggi di più…

Coronavirus, fuga degli infetti bulgari da Mondragone: arriva l’esercito. Caos totale nella zona rossa di De Luca

Sullo stesso argomento: 25 giugno 2020 Esercito in arrivo a Mondragone, dove il sindaco, Virgilio Pacifico, dal 22 giugno ha aperto una mini zona rossa nel complesso residenziale noto come Palazzi ex Cirio Peccato però che si siano persi qualcuno tra i positivi, molti inquilini del complesso sono stranieri, bulgari, molti dei quali non censiti e si ipotizza che abbiano fatto perdere le tracce, anche per timore di perdere il lavoro; molti sono braccianti agricoli, spesso sfruttati dai caleggi di più…

Esercito, conclusa in Sicilia campagna ‘Insieme per la solidarietà’

Condividi: 15 giugno 2020 Palermo, 15 giu. (Adnkronos) – Si è conclusa la campagna “Insieme per la solidarietà” dopo un mese di intensa e dinamica attività rivolta alle famiglie meno fortunate della Sicilia. Ideata dall’Esercito in sintonia con la Protezione civile e organizzata dal Consiglio Periferico di Assoarma, l’iniziativa ha portato un – seppur simbolico – “messaggio di speranza e di vicinanza in oltre 30 piazze siciliane”. Inizialmente strutturata su dodici giornate solidleggi di più…

L’esercito polacco ha invaso la Repubblica Ceca, per sbaglio

Un paese membro dell’Alleanza atlantica e dell’Unione europea ne invade un altro. Per errore. Poi se ne accorge e si scusa, ma solo sottovoce senza le richieste e adeguate scuse ufficiali.Il blitz militare errato è stato attuato dalle forze armate polacche in una zona di confine della pacifica Repubblica Ceca. Scopo un’esercitazione, perché di questo si trattava e ciò non era mai stato comunicato né concordato in nessun modo dalle autorità sovraniste di Varsavia alle autorità di Praga.Quelleggi di più…

Minneapolis, esercito e polizia in strada. Proiettili di vernice sparati contro i cittadini: “Rientrate”

https://video.repubblica.it/mondo/morte-george-floyd-minneapolis-la-polizia-spara-proiettili-di-vernice-contro-i-cittadini-rientrate-in-casa/361446/362002?rss
Copia <iframe class=”rep-video-embed” src=”https://video.repubblica.it/embed/mondo/morte-george-floyd-minneapolis-la-polizia-spara-proiettili-di-vernice-contro-i-cittadini-rientrate-in-casa/361446/362002&width=640&height=360″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe>
Copia Siamo a Minleggi di più…

Coronavirus, l’esercito degli artisti contro il governo: “Fate presto”, c’è la petizione

Condividi: Francesco Fredella 22 aprile 2020 Gli attori battono un colpo. Durissimo. Fanno sentire la loro voce tutti unti più che mai. Il Coronavirus, sicuramente, ha messo a dura prova il mondo dello spettacolo. Stop a film, ospitate in televisione, spettacoli teatrali e dischi. Qualche giorno fa Enrico Montesano, con una lettera aperta a Conte e al Ministro della Cultura, aveva chiesto di intervenire il prima possibile. Il suo “Fate presto” è sembrato un vero grido d’allarme che nleggi di più…

L’esercito delle badanti: 2 milioni di persone in attesa di un segnale

Irina, ucraina, 42 anni, nel Milanese, ha perso in una notte tutto: lavoro, casa e vitto, senza neanche l’addio a nonno Mario. Pryanka, cingalese 30enne, a Ischia, nel Napoletano, è dovuta uscire dalla vita di due fratellini, e dall’economia dei genitori precari. Colf e badanti, l’ultimo anello della catena nelle cui mani mettiamo il benessere di piccoli e anziani, fanno l’esercito invisibile che oggi è ancora “in attesa di misure”. Due milioni di lavoratori complessivamente, l’1,2 per cento dleggi di più…

Ventilatori polmonari, un aiuto arriva da esercito, Fca e Ferrari

“Era dai tempi della guerra che l’esercito non entrava in una fabbrica. Dopo che il governo ci ha incaricati di triplicare la produzione di ventilatori polmonari, è stato grazie all’aiuto dei 25 militari inviati dalla Difesa e diretti dal Colonnello Giulio Botto se siamo riusciti a farcela”. Gianluca Preziosa è il direttore generale della Siare Engineering: 35 dipendenti, unico produttore italiano dei sistemi di supporto alla respirazione indispensabili per i malati di coronavirus. Nel giro dleggi di più…