Palermo, il ritorno dei fedelissimi di Riina: 11 fermi. “Avevano riorganizzato il clan in provincia”

Era tornato in libertà nell’aprile del 2019, dopo 25 anni. Il boss Domenico Mico Farinella, fedelissimo del capo dei capi Totò Riina, aveva scansato l’ergastolo grazie a un ricalcolo della pena basato sull’indulto. E subito aveva ripreso il controllo del suo clan, nel paese di San Mauro Castelverde, il cuore della provincia di Palermo, fra le Madonie, i Nebrodi e il mare. Questa notte, i carabinieri del nucleo Investigativo del comando provinciale e della Compagnia di Cefalù lo hanno rileggi di più…

“Tre giorni fermi ad aspettare”. I militari inchiodano Conte: non è un golpe, ma la sua fine?

Sullo stesso argomento: 11 giugno 2020 Domani Giuseppe Conte sarà davanti ai pm di Bergamo, che indagano sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro. Il premier ostenta sicurezza, ma filtra una certa preoccupazione da Palazzo Chigi per l’audizione in procura. In particolare si attende la versione di Conte sui quasi 400 uomini tra carabinieri, polizia, guardia di finanza ed esercito che erano stati mobilitati e inviati sul posto e che hanno atteso invano per giorni l’ordine leggi di più…

Fase 3: Fermi (Consiglio Regione Lombardia), ‘urgente investire su infrastrutture’

Condividi: 05 giugno 2020 Milano, 5 giu. (Adnkronos) – “La necessità e l’urgenza di investire sulle infrastrutture che il territorio chiede da tempo e in particolare la Cremona-Mantova, il raddoppio della Paullese e i collegamenti ferroviari, il mantenimento e il potenziamento delle fiere territoriali, il sostegno all’innovazione tecnologica, la messa in circolo immediata di liquidità per favorire gli investimenti, sono alcuni dei temi principali emersi”. Lo ha sottolineato il presidente leggi di più…

Aspi: Aiscat, governo fermi escalation annunci, decida

“Al Governo chiediamo di interrompere questa escalation di annunci e ultimatum: si proceda a fare quello che va fatto”. Lo chiede il direttore generale dell’Aiscat, Massimo Schintu, in un colloquio con l’ANSA sul caso Aspi. “Abbiamo fatto un dialogo con la ministra De Micheli, ma qui mi pare che ognuno si alzi e dica la sua, che non ci sia una linea di Governo”, osserva Schintu, sottolineando che da parte delle concessionarie “non si tratta di ricatti, ma di una presa d’atto da parte di tutto illeggi di più…

Covid-19: l’Italia può ripartire da questi punti fermi

Questo articolo fa parte del lungo dossier “Uscire dal baratro” pubblicato sul numero di maggio del magazine Wall Street Italia
Come agire quando l’emergenza Coronavirus sarà finita? Per lasciarsi alle spalle una stagione non certo felice e prospera, occorre partire da un dato: abbandonare le politiche adottate finora. Politiche che significano aumento del debito pubblico, partito da livelli pericolosi, allargatosi poi senza particolari traumi perché ha alle spalle gli argini europei. Qleggi di più…

Stipendi fermi nel 2019. “Se non risale la produttività, dopo il coronavirus ci saranno impatti a lungo sulle buste paga”

MILANO – Stipendi stagnanti e molto lontani, in termini di potere reale d’acquisto, da quelli dei vicini francesi o dei tedeschi. Alla vigilia della crisi del coronavirus che non ha precedenti e rischia di ripercuotersi sulle buste paga, il quadro sulle retribuzioni italiani non era già esaltante.L’Osservatorio Jobpricing l’ha tratteggiato – in collaborazione con InfoJobs – nel consueto studio semestrale sulle retribuzioni italiane nel settore privato. Il problema di fondo emerge nella comparleggi di più…