Festa dellAlbero 1300 nuove piante nel parco del Vesuvio

Festa dell’Albero, 1300 nuove piante nel parco del Vesuvio

Condividi: 20 novembre 2020 Roma, 20 nov. – (Adnkronos) – Lecci, frassini, roverelle, corbezzoli e pini domestici: ben 1300 nuove piante per ‘Gli alberi del vulcano’, il progetto realizzato da Misura insieme all’Ente Parco nazionale del Vesuvio, che prende il via simbolicamente in occasione della Festa dell’Albero che cade ogni anno proprio il 21 novembre. I primi alberi messi a dimora nel Parco del Vesuvio sono dei lecci ed è stata scelta proprio questa giornata, istituita da ministero deleggi di più…

Massimo Montanari indissolubile il legame tra festa e cibo

Massimo Montanari, ‘indissolubile il legame tra festa e cibo’

Condividi: 12 novembre 2020 Roma, 12 nov. (Adnkronos/Labitalia) – La storia dei rituali della festa del cibo. Questo l’argomento affrontato da Massimo Montanari, docente di Storia dell’alimentazione all’Università di Bologna, dove ha fondato il master Storia e cultura dell’alimentazione, intervenendo all’evento digitale LIDLGift4You, il Natale firmato Lidl Italia. “Il legame – spiega – tra festa e cibo è indissolubile, strutturalmente fondato sulla cultura e l’esperienza umana. Inoltre, ileggi di più…

Festa dei single amara per Alibaba co la stretta cinese sul tech fa crollare i giganti del web

Festa dei single amara per Alibaba & co: la stretta cinese sul tech fa crollare i giganti del web

NANCHINO – L’11 novembre è il tripudio dello shopping digitale cinese. Durante la Festa dei single, inventata dal reparto marketing di Alibaba ma poi adottata da tutti i concorrenti, i cittadini del Dragone si tuffano in Rete per approfittare di sconti e promozioni, in un’orgia miliardaria di e-commerce senza eguali al mondo. Quest’anno non fa eccezione. Anzi, i cinesi sembrano avere tutta l’intenzione di recuperare i mesi passati in lockdown: questa mattina, considerando anche una geleggi di più…

Genovese e la violenza sessuale alla festa Roberto Bolle chiamo la polizia

Genovese e la violenza sessuale alla festa: Roberto Bolle chiamò la polizia

Nel corso della festa nella notte tra il 10 e l’11 ottobre scorso, quando partono le violenze di Alberto Genovese sulla minorenne presente alla festa, gli inquilini chiamano due volte la polizia per segnalare gli schiamazzi e la musica ad alto volume che arriva dal superattico al sesto piano. Dopo una prima inquilina, a chiamare è Roberto Bolle, l’étoile della Scala che abita al quinto piano dello stabile di piazza Santa Maria Beltrade. 
Violenza sessuale, resta in carcere Genovese. Il gip: “leggi di più…

La lunga notte di festa di Washington e dellAmerica Goodbye Trump

La lunga notte di festa di Washington e dell’America: “Goodbye Trump”

WASHINGTON – Il 15 maggio i clacson di decine di camionisti, parcheggiati con i loro giganteschi truck fuori dalla Casa Bianca, erano stati salutati dal presidente Donald Trump come un “segno d’amore” nei suoi confronti. Sei mesi dopo i clacson che fino a tarda sera ancora inondano l’area attorno Pennsylvania Avenue, indicano la fine del suo mandato, e l’inizio di una nuova epoca. L’amore è per Joe Biden. Alle otto passate migliaia di persone sono ancora per strada, stordite dalla gleggi di più…

Antonio Socci cosi il coronavirus ci ha rubato la festa dei morti alla ricerca del senso della vita

Antonio Socci, così il coronavirus ci ha rubato la festa dei morti: alla ricerca del senso della vita

Sullo stesso argomento: Antonio Socci 03 novembre 2020 Forse quest’anno per le strade deserte non ci sono nemmeno i venditori di caldarroste a regalare allegria ai ragazzi (si sono mai viste caldarroste igienizzate?) e pure per i fiorai saranno magri incassi. Infatti, per la paura collettiva del contagio, è diventato arduo perfino visitare i cimiteri. Peraltro sono vietati gli assembramenti Così, anche questo pietoso rito, religioso e sociale, che, per un giorno, ci faceva ricordare le pleggi di più…

Festa di Halloween clandestina in casa 20 ragazzi denunciati a Milano

Festa di Halloween clandestina in casa: 20 ragazzi denunciati a Milano

Una festa clandestina di Halloween è stata scoperta e interrotta stanotte dai carabinieri del Nucleo Radiomobile che hanno denunciato i partecipanti, venti ragazzini  tra i 18 e i 20 anni, per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità in relazione alle norme sul contenimento della diffusione del Covid. L’intervento dei militari è scattato all’una di notte presso un’abitazione di via Niccolini, al quartiere cinese, dopo una segnalazione di una festa in corso. I residenti riferivanoleggi di più…

Ladispoli positiva organizzo doppia festa di compleanno la madre si contagia e muore

Ladispoli, positiva organizzò doppia festa di compleanno: la madre si contagia e muore

Da una doppia festa di compleanno a un funerale sono passati quindici giorni. Una donna di 70 anni di Ladispoli, contagiata dal Covid-19 dopo i festeggiamenti per un compleanno, è deceduta. A organizzare ben due feste, come ormai noto, è stata la mamma di un bambino di 8 anni, che aveva febbre e tosse, ma che si è sottoposta al tampone solo dopo gli stessi festeggiamenti ed è risultata positiva.A quelle feste avevano preso parte sessanta persone, i compagni di scuola del bimbo e i loro genitleggi di più…

Festa di Roma un incontro ravvicinato con Thom Yorke Sto componendo e sogno di tornare agli anni Settanta 1

Festa di Roma, un incontro ravvicinato con Thom Yorke: “Sto componendo e sogno di tornare agli anni Settanta”

di Valeria RusconiLa partenza è inaspettata. È un frammento da un film di fantascienza, anzi, meglio dire un colosso del cinema rimasto nella memoria collettiva di chi era un ragazzo negli anni Settanta e Ottanta: Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third Kind), diretto da Steven Spielberg nel 1977 con le musiche del maestro John Williams. Un inno alla pace, all’apertura, all’incontro attraverso la musica: elementi di una simbologia universale che oggi suona ancora pileggi di più…

Incubo virus chiama i carabinieri Dal mio vicino ce una festa sono in tanti ma non era vero

Incubo virus, chiama i carabinieri: “Dal mio vicino c’è una festa, sono in tanti”, ma non era vero

Chiama i carabinieri: “C’è una festa privata con troppa gente, sono tutti vicini e non hanno la mascherina”. Ma quando una pattuglia interviene invece di un’abitazione privata era un bar con all’esterno un dehors dove c’erano i clienti e tutti a distanza, con i dispositivi di protezione indossati. È successo a Vinovo, in viale Francia nel villaggio “I cavalieri”, venerdì sera alle 20: i passanti, forse preoccupati per le notizie sul rapido aumento del numeri dei contagi da coronavirus e sapenleggi di più…