Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

forti

Secondo i numeri del sondaggio condotto da Quorum, il sindaco di Firenze vince con il 49% contro il 38% del segretario del PD, mettendo in evidenza gli errori commessi dal centrosinistra. “Abbiamo qualcosa da farci perdonare”. Scontro su Casini, Fisco ed Equitalia: VIDEO.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Renzi vince duello TV con Bersani, ma Vendola lo blocca: "subalterno ai poteri forti"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Alla fine di marzo si riunirà per la prima volta il nuovo Parlamento italiano. Da quale scranno si alzerà qualcuno per chiedere che nell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori vengano ripristinati i diritti dei lavoratori pre-riforma Fornero?

E mentre i nuovi parlamentari familiarizzeranno con l’incarico ricevuto, chi di loro pretenderà che si voti l’annullamento definitivo del surreale progetto del ponte sullo Stretto e che quei fondi vengano dirottati verso la prevenzione ambientale e per far fronte al dissesto idrogeologico?

Sapere come funziona la buvette di Montecitorio è importante, ma quale deputato, destreggiandosi tra un carpaccio di filetto con salsa al limone e un risotto con rombo e fiori di zucca,  prenderà l’impegno che il primo atto del Parlamento sia risolvere il problema del conflitto di interessi?

Dopo le proteste di ieri dei sindaci, anche le Regioni sono sul piede di guerra in seguito all’approvazione alla Camera della legge di stabilità. Il disegno di legge è “insostenibile su tre punti che riguardano la reale erogazione di servizi: la sanità, il trasporto pubblico locale e i servizi sociali”. A lanciare l’allarme è il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani che, al termine della riunione dei governatori, ha annunciato che ci saranno incontri con i rappresentanti del Senato perché “per le Regioni è indispensabile che ci siano modifiche a quel testo”. Errani ha avvertito: “E’ necessario cambiare questa situazione, diversamente, iniziative forti, oltre ai Comuni, riguardano anche le Regioni”. Riguardo alla sanità, Errani ha spiegato che “per la prima volta il Fondo sanitario nazionale si riduce”, mentre sul trasporto locale “viene fatto un passo indietro di 20 anni, tornando a un fondo nazionale e non alla fiscalizzazione”. La Camera ha approvato la legge di stabilità con 372 sì. I voti contrari sono stati 73 e gli astenuti 16. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

Fabio Capello, dalla Russia, con nostalgia. Don Fabio si racconta ad “Undici” su italia 2 e rispolvera la bachca dei ricordi. Ora che lui è il ct della nazionale russa può guardare al passato a mente fredda e dare un valore diverso alle vittorie e agli uomini che lo anno circondato. “A Torino mi ricordo gli scudetti che poi sono stati annullati: io ho ancora a casa le medaglie. Eravamo i più forti, l’unico rammarico è stato non riuscire ad imporci anche in Europa. A Moggi, Giraudo e Bettega sono ancora affezionato: non rinnego la mia amicizia con loro, si vede che nel calcio avevano qualcosa in più rispetto agli altri”, spiega Capello. E sulla Juventus di oggi dice: “È vero che dopo la Champions la Juventus ha fatto un po’ di fatica a riproporsi in campionato: devi avere una rosa veramente ampia per non perdere potenziale di rendimento, ma in Serie A i bianconeri possono fare quello che vogliono, credo che non ci sia corsa”. Poi il cuore di Capello vola sotto il cupolone dove ha vinto uno scudetto che per i romanisti ne vale dieci:”La Roma, con i giocatori che ha dovrebbe essere più vicina alla vetta della classifica, ma bisogna dare tempo ai giocatori di assimilare la nuova filosofia dell’allenatore. A Roma vincere lo scudetto è più difficile rispetto alle altre piazze, perché basta che vinci una partita e subito c’è euforia: tutti i giorni devi lavorare per tenere a bada questa euforia. Il ricordo più bello che ho di Roma è sicuramente lo Scudetto e i derby vinti. L’unica cosa che non mi è piaciuta è che dopo aver vinto il campionato, al posto di festeggiare subito, lo abbiamo fatto dopo tre giorni”. Poi Don Fabio parla del calcio italiano e delle sue prospettive: “Ha tanti problemi: gli ultrà a cui permettiamo di fare tutto, gli arbitri che fischiano troppo, fino alle continue polemiche che allontanano gli appassionati dagli stadi. Che a loro volta sono obsoleti: ci sono norme che in Italia non vengono applicate: perché sugli spalti entrano striscioni, petardi e quant’altro?”

I tecnologici non sono più un investimento che va di moda. Lo dimostrano i forti smobilizzi che hanno colpito il settore, con i sell off che in alcuni casi sono stati oltre -26%. Ma qual è il segreto delle obbligazioni spazzatura?

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Basta titoli hi-tech, adesso tutti vogliono junk bond

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Ecco il secondo assaggio a tinte forti che anticipa l’uscita di Cake, il primo video girato da Lady Gaga con l’aiuto del fotografo punk rock Terry Richardson. Abiti succinti, coreografie super sexy e ambientazioni da dark room, per uno dei primi rap della popstar di origini italiane. Qui la vediamo senza freni e super golosa di panna montata. 

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Lady Gaga insaziabile e golosa di panna

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Ecco il secondo assaggio a tinte forti che anticipa l’uscita di Cake, il primo video girato da Lady Gaga con l’aiuto del fotografo punk rock Terry Richardson. Abiti succinti, coreografie super sexy e ambientazioni da dark room, per uno dei primi rap della popstar di origini italiane. Qui la vediamo senza freni e super golosa di panna montata. 

Guarda il video super hot su Libero Tv


pubblicato da Libero Quotidiano

Lady Gaga hot e golosissima Il video

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Un’ora di battaglia, poi l’Italia si arrende e gli All Blacks si impingono per 42-10 (primo tempo 13-7) segnando 5 mete nel test match disputato all’Olimpico di Roma. Gli azzurri si guadagnano gli applausi dei 73.000 spettatori con una prestazione all’altezza dell’appuntamento per buona parte del  pomeriggio.

Buon ingresso in campo degli azzurri. L’Italia entra per 2 volte nei 22 metri avversari nei primi 10 minuti ma non riesce a concretizzare il prolungato possesso del pallone. La Nuova Zelanda gestisce con qualche patema e, alla prima vera chance, sblocca il risultato con il piazzato di Cruden, 3-0. Il numero 10 è determinante anche nell’azione della prima meta. Al 17′ innesca Smith, che affonda al centro prima di offrire l’ovale a Read: 10-0 con la trasformazione. Il gap si dilata al 20′ con il secondo piazzato del pomeriggio per il 13-0. L’Italia prova a scuotersi, rinuncia alla punizione e si affida alla mischia per sfondare. Scelta premiata dalla meta che Sgarbi firma al 26′ e che   Orquera trasforma: 13-7. Gli All Blacks, dopo la fase difensiva rivedibile, cercano di ripartire con una fiammata: la violenta accelerazione si ferma ad un passo dalla meta, visto che Bergamasco e Favaro salvano con un placcaggio provvidenziale su Gear. Gli azzurri lottano su ogni pallone e riescono a rimediare quando Cruden, sempre   lui, al 38′ tenta l’ultima percussione prima dell’intervallo.

Dagli spogliatoi, i campioni del mondo escono con l’intenzione di riprendere in mano la partita: Cruden si esibisce nel terzo piazzato per il 16-7 al 45′. La difesa dell’Italia cerca di resistere contro avversari che, pur lontani dalla perfezione, riducono il numero degli errori banali commessi nella prima frazione. Al 50′ Nonu spacca in due il match con la meta che, grazie al piede di Cruden, vale il 23-7. Il pubblico dell’Olimpico spinge gli azzurri che  rispondono con il drop di Orquera (23-10) al 54′ e provano a tenere   aperto il match.

La raffica di sostituzioni trasforma l’Italia in una squadra giovanissima nell’ultimo quarto della sfida. L’entusiasmo consente ai padroni di casa di tenere alta la pressione. Gli All Blacks non possono limitarsi a gestire il cronometro, per spegnere gli azzurri al  68′ serve la meta di James che ha un impatto devastante sull’incontro: Cruden non sbaglia, 30-10. Gli ultimi 10 minuti della gara hanno un solo colore, il nero. Prima del fischio finale c’è gloria anche per Savea al 74′ e al 76′: la quarta e la quinta meta della Nuova Zelanda,  condite dall’unico errore di Cruden, fissano lo score sul 42-10.

Ecco l’assaggio a tinte forti che anticipa l’uscita di Cake, il primo video girato da Lady Gaga con l’aiuto del fotografo punk rock Terry Richardson. Abiti succinti, coreografie super sexy e ambientazioni da dark room, per uno dei primi rap della popstar di origini italiane. 

Guarda il video su Libero Tv


pubblicato da Libero Quotidiano

Lady Gaga super sexy nella dark room

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

 

Genova questa mattina è deserta. La paura di rivivere la tragedia dell’anno scorso quando la furia dell’acqua ha ucciso 6 persone (una donna albanese con le sue due bambine di 1 e 8 anni e la vicina di casa, una 19enne rimasta schiacciata da una macchina e un’altra donna arrivata esanime all’ospedale) ha trasformato la città ligure in una città fantasma. In previsione della “tempesta di San Martino” è scattata questa mattina alle 9 l’allerta 2 della protezione civile. Il sindaco ha disposto la chiusura delle scuole, dei cimiteri e dei parchi pubblici, dei sottopassi pedonali situati nelle aree esondabili, e di tutte le attività commerciali nella zona del Ferraggiano e di Sestri Ponente. Viene inoltre sconsigliato l’uso dell’auto e della circolazione pedonale. Sono inoltre iniziate le evacuazioni delle palazzine nelle zone a rischio in particolare nella Val di Vara, dove sono 65 le persone sfollate.

Il peggio deve ancora arrivare – Ma non sarà solo la Liguria ad essere interessata dalla tempesta. Una forte perturbazione accompagnata e sospinta da intense correnti di scirocco sta già investendo il Nordovest, ma il peggio deve ancora arrivare. Antonio Sanò, direttore del portale www.iLMeteo.it sottolinea che da questo pomeriggio forti piogge colpiranno prima la Liguria, poi la Lombardia e parte del Piemonte con neve tra i 1500m delle Alpi e i 2000m delle Prealpi. Entro sera, poi, il maltempo si estenderà al resto del nord e della Toscana, con una particolare allerta sulla Liguria di Levante, sullo Spezzino dove sottolineiamo il rischio concreto di frane, smottamenti e problemi ai corsi d’acqua minori, così come sull’alta Toscana, la fascia prealpina lombarda, trentina e poi veneta e infine Friulana dalla notte. Il sabato notte sarà tempestoso sull’Adriatico con onde di 3 metri. Domenica ci sarà un ulteriore aggravamento, i venti di scirocco diventeranno anche più forti sui mari, tanta pioggia cadrà in Friuli dove attendiamo fino a 200mm di pioggia in 24 ore, forti temporali si abbatteranno sulla Toscana, levante ligure. Temporali dal Tirreno si porteranno anche sul Lazio, fino a Roma nel primo pomeriggio. La neve cadrà solo oltre i 2000m. Piogge anche sulla Sardegna. L’acqua alta a Venezia potrebbe superare i 120cm-130cm. Sette dunque le regioni in allerta: prima Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino, poi Friuli Venezia Giulia, Toscana e tra domenica e lunedì anche il Lazio. Al Sud e sulla Sicilia le temperature saranno elevate con valori oltre i 25 gradi per via dei venti caldi meridionali. Il maltempo continuerà sulle regioni centrali, sulla Sardegna, sul Friuli Venezia Giulia per tutta la giornata di lunedì, mentre il proseguo della settimana vedrà accanirsi il maltempo tra le due isole maggiori e in particolare sulla Sicilia. 

 

Archivi