083745343 1ccc56a3 5316 4311 8d35 f2f0762d4b80

Colori delle regioni, Italia tutta gialla, in arancione solo Sicilia e Valle d’Aosta

È destinato ad allargarsi il territorio italiano in giallo. Domani la Cabina di regia di Istituto superiore di sanità e ministero alla Salute valuterà i nuovi dati settimanali e, salvo sorprese, in arancione resteranno solo la Sicilia e la Valle d’Aosta. Poi ci saranno una serie di spostamenti dall’arancione al giallo. La Puglia sarà la regione più grande a fare quel cambiamento. Del resto ha i dati da scenario giallo ormai da tre settimane ed era rimasta in arancione due settimane per essleggi di più…

134829272 0f9c147b 2596 4aaf 87a8 c1648d0315aa

L’Italia torna in zona gialla: primi caffè al bar, a pranzo e cena al ristorante

L’Italia si è svegliata in zona gialla. Fatta eccezione per 4 regioni in arancione al sud – Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia – una al Nord come la Valle d’Aosta più la Sardegna in rosso, tutto il resto del Paese (circa 47 milioni di persone) è tornato a godere di maggiore libertà. Non accadeva da oltre 40 giorni. E tra dubbi, pareri discordanti sulle riaperture, timori per gli assembramenti soprattutto nelle zone della modiva, la mattinata è stata scandita dal ritorno ai bar, ma non sleggi di più…

023756181 ecf71d94 fc4a 45d1 9bab 80a5d4d4c4f4 18

Covid, Centro-Nord da zona gialla. Ma al Sud crescono i contagi

Un bel pezzo d’Italia verso il giallo, con le grandi Regioni del nord dove molto probabilmente da lunedì 26 nelle piazze e nelle strade si festeggeranno le riaperture anche serali di bar e ristoranti. Un altro, non piccolo, che vede ancora aumentare i contagi. Sono 14 le realtà locali, comprese le due Province autonome, che sperano nella ripartenza di buona parte delle attività. Altrove invece si aspetta di capire cosa succederà nei prossimi giorni. Scuola, Regioni in rivolta sulla riaperleggi di più…

215046777 56fb7da2 c64a 4e6e aeb4 335b05b57c07

Dubbi e speranze da zona gialla. L’Italia riparte ma solo a metà

Torino, il ristoratore
“Senza l’area per il dehors mi vietano di lavorare ma ho spese come tutti”
TORINO — «No, il dehors non ce l’ho e non lo posso fare. Davanti al ristorante ho il capolinea del bus, i clienti respirebbero i gas di scarico». Umberto Chiodi Latini è il titolare del Vintage 1997, storico ristorante torinese, da vent’anni stella Michelin. Il locale, frequentato da manager e professionisti, è in una piazza del centro storico, «sì, potrei mettere qualche tavolo neleggi di più…

032033135 0e557681 6608 4287 bcab 6c7d11eb8be2

“Niente zona gialla fino al 1° maggio” Nel governo è scontro sui divieti

A scuola fino alla prima media anche se la Regione è rossa. Mentre sette Regioni e una Provincia si avviano a restare nello scenario con più restrizioni almeno fino al 12 di aprile, il governo discute delle misure del nuovo dpcm, che sarà adottato tra lunedì e mercoledì prossimi. La riapertura delle aule per i più piccoli sembra ormai decisa, mentre la discussione più animata riguarda la possibilità di confermare il blocco delle zone gialle. Di certo, l’opzione di un arancione nazionalleggi di più…

100539801 0ba60bba ce55 4680 96cf 672ba2999b61

Tempesta di sabbia e smog: Pechino avvolta da una nebbia gialla

https://video.repubblica.it/mondo/cina-tempesta-di-sabbia-e-smog-pechino-avvolta-da-una-nebbia-gialla/377940/378549?rss
Copia <iframe class=”rep-video-embed” src=”https://video.repubblica.it/embed/mondo/cina-tempesta-di-sabbia-e-smog-pechino-avvolta-da-una-nebbia-gialla/377940/378549&width=640&height=360″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe>
Copia Pechino si è svegliata oggi coperta da un spesso strato di smog giallognolo, frutto di uleggi di più…

085400537 ac58c083 82b1 44fa 86f6 91583cfbb986

Covid, Gli esperti: niente visite in zona gialla e weekend blindati come a Natale

Il Comitato tecnico scientifico risponde senza esitazione al quesito del governo. Sono necessarie nuove misure, più rigorose, per contenere i contagi? Sì. E quali? Intanto quella già suggerita la scorsa settimana e rimasta inascoltata, zone rosse ovunque si raggiunga la soglia dei 250 contagi ogni 100.000 abitanti. E magari anche quella che si era rivelata efficace a Natale, weekend blindati in tutta Italia con bar, ristoranti e negozi chiusi e spostamenti vietati. E poi maglie più strette leggi di più…

162015739 fa0a0f5b aefa 467e 9423 367d1a7f2143

Cts: via libera alla riapertura di cinema e teatri in zona gialla dal 27 marzo

Il Cts dà il via libera all’apertura cinema e teatri il 27 di marzo, come aveva chiesto il ministro alla Cultura Dario Franceschini. I tecnici nella riunione di oggi hanno detto sì fissando una serie di paletti, ad esempio sulla capienza. Sarà ora il Governo a dover decidere se e come inserire la novità nel Dpcm. Il ministero aveva chiesto di aprire a un numero di persone che occupassero non più di un terzo dei posti fino a un massimo di 500 spettatori al chiuso e 1.500 all’aperto. Il Cts leggi di più…

212253663 5d3cdf51 5406 4379 aa8b 62a4ee4a6aa5

Coronavirus, la Puglia torna gialla da giovedì: il ministero accoglie le correzioni della Regione

La Puglia torna in zona gialla da giovedì 11 febbraio. È quanto deciso in seguito a una riunione straordinaria della cabina di regia di ministero della Salute e Istituto superiore di sanità in cui sono stati rivisti i dati pugliesi sul contagio, sulla base delle richieste di correzione avanzate dalla Regione.
Il ministero della Salute ha accolto la richiesta di correzioni inviate dall’assessorato alla Sanità. La Regione chiedeva principalmente di rivedere al ribasso i dati sui nuovi casi e leggi di più…

170128272 9ae3b5e8 5c48 462c a5ba 249f85064120

Assembramenti, allarme di Miozzo: “Zona gialla non è normalità, i contagi possono schizzare in alto”

E’ bastato soltanto l’annuncio del ritorno di quasi tutta l’Italia in zona gialla perché nei centri storici delle città, nei luoghi della movida, tornassero assembramenti e folla oltre ogni limite di sicurezza. Una situazione che ha spinto Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, a internvenire, ricordando che il ritorno in area gialla “non significa normalità”. E’ necessario invece “evitare assembramenti” poiché c’è il rischio “assolutamente reale che la curva schizzi rapidamente verleggi di più…