072027293 6cefdee5 a2a3 422d b20e 4a21ccb9f082

Alessandria, oggi davanti al giudice la donna che ha ucciso il marito: “Mio figlio non c’entra, ho fatto tutto da sola”

Stamattina si terrà nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino l’udienza di convalida del fermo di Agostina Barbieri, la donna di 60 anni che domenica sera ha confessato di aver ucciso il marito Luciano Giacobone, ex camionista di 64 anni, ultimo episodio di una vita di violenze, fisiche e psicologiche fino a quel momento confinate tra le mura di una casetta di Borghetto Borbera, paesino in provincia di Alessandria. Era stata la donna a descrivere nei dettagli quello che era accaduto domenica a prleggi di più…

094156700 6c9f881f 3fef 4ed5 afd0 8cc5fe8ce239

Wimbledon, per la prima volta in finale un giudice di sedia donna

LONDRA – Un italiano in finale a Wimbledon? Non sarà “l’unica prima volta”. Oggi il torneo ha deciso il giudice di sedia della sfida tra Berrettini e Djokovic. E, attenzione, si è rotta un’altra tradizione: dovremo dire LA giudice di sedia. Infatti la designazione è caduta su un nome femminile, Marija Cicak: sarà il primo arbitro donna di una finale del singolare maschile.  Ajla, la Viola, Bukowski: gli amori di Berrettini
dal nostro inviato Paolo Rossi 09 Luglio 2021 Croata, 43 anni, leggi di più…

032624699 ffefeed2 f9ea 49f6 8ef5 48d583a60c0a 22

Chiara, l’assassino dal giudice. La madre: “Sono spaventata, non ho parole”. Il legale dei Gualzetti: “Atto di disumana violenza”

“Sono ancora in una bolla, sono spaventata e confusa. Non ho parole per quanto avvenuto. Non so come sta mio figlio, non l’ho più visto”. Sono le parole della mamma del 16enne che ha ucciso Chiara Gualzetti a Valsamoggia, dove oggi è lutto cittadino e dove stasera ci sarà una fiaccolata in ricordo della ragazza uccisa a coltellate dal coetaneo. La donna, maglietta bianca e pantaloni, è apparsa particolarmente scossa, con gli occhi ludici e segnati. E’ arrivata da sola stamattina al carcere dleggi di più…

135410852 50b8e525 7992 429d bb19 bc372a67abb3

Sindacalista ucciso, l’autista al giudice: “Mi spiace per Adil e la sua famiglia”

“Mi dispiace per quello che è successo. Non volevo investire nessuno. Mi spiace per Adil e per la sua famiglia”. Alessio Spaziano, l’autista di 25 anni accusato della morte di Adil Belakhdim davanti ai cancelli Lidl di Biandrate, lo ha ripetuto più volte durante l’interrogatorio di convalida che si è tenuto questa mattina  in carcere a Novara, davanti al gip del tribunale. Spaziano ha parlato per tre ore, ha ricostruito nel dettaglio quello è successo venerdì mattina quando Adil è stato ileggi di più…

fd76d1aba1933c469c999f8109d8265b

Carige: giudice, dare ai Malcalza testo transazione Apollo

(ANSA) – GENOVA, 27 MAG – La spuntano i Malacalza sull’accordo transattivo tra Carige e Apollo: dopo aver chiesto a più riprese di conoscerlo, possono ricevere copia del ‘settlement agreement’ tra la banca e il fondo americano per chiudere le controversie sulla cessione delle compagnie assicurative. Lo ha stabilito, secondo quanto ha verificato l’ANSA, il giudice di Genova Daniele Bianchi nell’udienza del 28 aprile sulla causa con cui Malacalza Investimenti ha impugnato la delibera dell’assemblleggi di più…

103236314 058d650a 693d 4881 b19b 0ce26b0717fa

Agrigento, diventa “beato” il giudice Livatino ucciso dalla mafia. “I boss lo odiavano per la sua fede”

AGRIGENTO – La Chiesa ha un nuovo beato, Rosario Angelo Livatino, il giudice siciliano odiato dai boss per le indagini che portava avanti, ma anche per la sua fede. Nella Cattedrale di Agrigento risuona il nome dell’ultimo martire della mafia, ma è anche il primo magistrato che diventa beato nella storia della Chiesa. Questo giorno è stato scelto non a caso per la proclamazione: il 9 maggio del 1993, Papa Wojtyla lanciò il suo anatema contro i mafiosi proprio ad Agrigento, nella Valle dei Tleggi di più…

082933600 b4b74fdd ac09 4700 bb35 669a12f858d9

Torino, il giudice grazia il rapper che fuma: “L’hashish stimola la sua creatività”

Salvato dalla musica e dalla sua creatività: Sofian Naich, in arte “Kaprio”, uno dei giovani accusati di aver preso parte all’assalto delle vetrine del lusso del 26 ottobre, deve ringraziare di essere un rapper. La droga gli serviva per quello, per rilassarsi e trovare maggiore ispirazione. E anche se era davvero tanta – 2005 dosi medie singole di hashish e 678 di marijuana – il giudice ha ritenuto che fosse un “quinto comma”, quello che si applica per l’uso personale e la modesta entità. D’alleggi di più…

092404486 9ff478b8 bc96 4f07 b79e cc6e2f1b1fa5

Bari, arrestati il giudice De Benedictis e un avvocato : mazzette per emettere sentenze favorevoli

E’ stato sorpreso a ricevere una busta piena di banconote da un avvocato: il giudice barese Giuseppe De Benedictis è stato arrestato e condotto in carcere dai carabinieri del Nucleo investigativo di Bari. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere ha riguardato anche l’avvocato barese Giancarlo Chiariello e altri soggetti, alcuni dei quali esponenti della criminalità organizzata del capoluogo pugliese e del foggiano, che sarebbero stati agevolati con il ridimensionamento di misure cautelari.leggi di più…

090849178 df587007 9c3b 4e07 8bc1 3634ea962b0c

Corso Francia, Pietro Genovese fa ricorso: “Il giudice ha stravolto le risultanze delle immagini e parcellizzato le prove”

Il giudice “ha stravolto le risultanze delle immagini”, ha “parcellizzato i singoli elementi di prova” e ha fatto una ricostruzione “del tutto singolare” dei fatti accaduti la notte del 21 dicembre 2019 a Corso Francia, quando l’auto guidata da Pietro Genovese ha travolto e ucciso due ragazze di 16 anni, Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli.
Per quei fatti il figlio del regista Paolo Genovese è stato condannato in abbreviato a scontare 8 anni di reclusione. Adesso la difesa dell’imputato ha leggi di più…

092923416 a77e9f3d b84b 41f8 9849 4912881dca6e

Giudice taglia le gomme a una collega ma viene promosso dal Csm

Può un giudice, che armato di coltello ha tagliato le gomme dell’auto di una collega, fare carriera come se niente fosse? Soprattutto se, proprio lui, pur dopo una condanna penale e una anche disciplinare, insiste nelle performance aggressive e, durante una controversia stradale con una signora, sbatte lo sportello dell’auto e colpisce il ginocchio della donna alla guida, ma poi “ripara” il danno con 3mila euro estinguendo il reato? 
Al Csm pare che questo sia proprio possibile. Perché uno sqleggi di più…