Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Grecia

I mercati non credono in un’intesa rapida sul nodo degli aiuti alla Grecia. A mettere sotto pressione i listini anche l’incertezza sulle trattative per i $608 miliardi di precipizio fiscale (foto: Richard Durbin, senatore Democratici).

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Wall Street, atteso avvio negativo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’Unione europea è una squadra di calcio che non sa più vincere una partita, ma che neppure ne perde: le pareggia tutte. E allora gli incontri tocca ripeterli. La difesa tiene: tutti lì a stare attenti a non prendere gol. Ma è l’attacco che è spuntato: viene da pensare che davanti ci sia Vucinic, quello svogliato che gioca in pantofole, se non fosse che è montenegrino e, con i 27, ancora non c’entra.

A Chartres – cittadina di 40mila abitanti nel cuore della Francia, famosa per una delle cattedrali gotiche più belle del mondo – vanno in scena da ieri fino a domenica i Campionati Europei di nuoto in vasca corta. Vi partecipano 425 atleti per un totale di 35 Paesi: grandi, come Francia e Italia, Germania e Russia; e anche piccolissimi, come Lussemburgo e Liechtenstein, che in quasi un secolo di storia non hanno mai vinto una medaglia. Praticamente tutti, insomma. Tranne la Grecia: la Federazione ellenica ha infatti rinunciato a causa della crisi.

Cancelliera Germania: intesa Grecia possibile lunedi’. Il rendimento dei Bonos al minimo in quasi due settimane. Recupero dei titoli bancari: Intesa e BPM oltre +1%. Dati Ocse: nel secondo trimestre Pil Italia ha registrato il calo più forte dopo il Giappone, ma è migliorato rispetto a secondo trimestre.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Borsa Milano +1% dopo Merkel e tassi Spagna

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’Europa non darà nessun aiuto alla Grecia. Almeno per ora. Dopo quasi 12 ore di discussioni, i ministri delle Finanze dell’euro zona hanno deciso di rivedersi lunedì prossimo per  cercare di arrivare a quell’accordo che si attende da settimane sulle tre tranche di 44 miliardi di euro e sull’ intesa sulla sosteniblità del debito.

Le reazioni – Il mancato accordo mette a rischio la stabilità dell’Eurozona, ha fatto notare il primo ministro ellenico Antonis Samaras subito dopo la notizia del nulla di fatto:  ”I nostri partner e l’Fmi devono fare il possibile perchè è in ballo non solo il futuro del nostro paese ma la stabilità dell’intera Europa”. ”Sono stati fatti dei progressi, ma bisogna farne di altri”, ha commentato all’alba, alla fine della riunione, la direttrice dell’Fmi Christine Lagarde, mentre il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble sottolineava che “le questioni sono così complesse che non   abbiamo trovato una soluzione definitiva”. L’incontro, si legge in un comunicato dell’Eurogruppo, “è stato interrotto per permettere ulteriore lavoro tecnico su alcuni elementi del pacchetto”, i ministri  ”si rivedranno” il 26 novembre. ”Siamo molto vicini a un risultato”, non c’è “alcun vero ostacolo”, ha commentato dal canto suo il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker, dicendosi “un po’ deluso” per l’esito della riunione. “Ma devo ammettere che le questioni tecniche sono di natura complicata”, ha concesso il lussemburghese che, rispondendo alla domanda se finalmente lunedì la Grecia otterrà gli aiuti, ha replicato: “Non so quando questo accadrà”. Salvo poi sottolineare subito di “avere un interesse enorme a che la Grecia abbia la prossima  tranche di aiuti e ritengo che sarà così”. 

Debito greco – Intanto, però, l’Eurogruppo ha ribadito il suo apprezzamento per “il forte impegno” della Grecia sulle riforme, il bilancio per il 2013 e “l’ambiziosa strategia di medio termine per il periodo 2013-2016”. Resta, invece, il nodo della riduzione del debito greco (che, secondo le previsioni, nel 2014 potrebbe sfondare quota 190%) al 120% del Pil entro il 2020, una data che il Fondo monetario internazionale vuole che sia confermata, mentre Bruxelles è disponibile a concedere ad Atene un rinvio di due anni per centrare quell’obiettivo.

“Thriller e stallo a Bruxelles” titola oggi il popolare quotidiano To Vima: niente accordo sul maxiprestito alla Grecia. All’Eurogruppo fiume, durato dodici ore e terminato alle cinque del mattino, va in scena una sorta di derby tra Juncker e Lagarde sulla sostenibilità del debito greco. E per avere il via libera ai 44 miliardi di euro che servono al paese per non fallire, bisognerà aspettare lunedì 26 novembre, quando una nuova convocazione dell’Eurogruppo potrebbe sbloccare una situazione che si complica ulteriormente. La Germania frena e lo dimostra il fatto che la riunione è stata costantemente interrotta in quanto, secondo fonti europee, sono subentrati negoziati tra i paesi (prima a due, poi a tre e a quattro) per tentare di superare le divergenze.

Recessione pesantissima in Italia, ma mercato in crescita, l’azionario europeo risale dai minimi in tre mesi: operazioni di ricoperture alimentate anche dalla maggiore fiducia sull’outlook Usa, ottimismo sul fiscal cliff e possibile tregua tra Israele e Hamas. Funzionari Ue convinti: Grecia otterra’ nuova tranche di aiuti. Ftse Mib supera quota 15.300, forti buy su Stm (+7,9%) e Fiat.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Borsa Milano +3%, grazie a stime su Pil Usa e voci Grecia

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Non solo l’Italia, la Grecia, la Spagna e il Portogallo. L’Economist spara a zero sulla Francia di Francois Hollande e titola in un numero speciale: “Bomba a orologeria nel cuore d’Europa”. Insomma i cugini stanno messi peggio di noi secondo il settimanale inglese. Ma a Hollande questa critica non va giù. E si infuria. Il settimanale mette in copertina una baguette farcita con un candelotto tricolore pronto ad esplodere. Ma ad esplodere è tutto il governo francese. Dure le reazioni. “La Francia non e’ il malato d’Europa, e’ la quinta potenza economica mondiale, che ha tutte le risorse e deve solo rilanciare la sua competitivita”, ha dichiarato il ministro delle finanze Pierre Moscovici. Subito dopo a difendere la grandeur francese c’ha pensato il ministro dell’Industria, Arnaud Montebourg: ”Onestamente The Economist non si e’ mai distinto per un particolare senso di sconfinata giustizia”. Montebourg aggiunge va giù duro contro la rivista e la definisce il Charlie Hebdo della City riferendosi al giornale satirico francese piu’ volte al centro della bufera per le sue copertine satiriche sull’Islam. Critico anche il premier Jean Marc Ayrault: “Stiamo parlando di un giornale che fa ricorso agli eccessi per vendere copie. La Francia non e’ per niente impressionata”. 

Atene ha ottenuto una proroga per il rientro di bilancio, ma ha bisogno di fondi freschi per arginare la voragine del debito. Il ministro delle Finanze “troveremo una soluzione alla prossima riunione”. Bernanke: Fed continuerà ad usare tutti i mezzi a disposizione per stimolare l’immobiliare.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Grilli: prossima settimana intesa sugli aiuti alla Grecia

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

La sensazione è che abbiano mollato, che dopo le centomila persone scese in piazza Syntagma giovedì notte quando tra scontri e lancio di molotov il Parlamento greco ha votato il terzo memorandum della troika, non ci sia più nulla da fare. La manifestazione paneuropea contro l’austerity porta nella piazza ateniese Klathmonos poco più di seimila persone – diecimila al massimo, dicono altre fonti – con i sindacati Gsee e Adedy che chiedono di fermare tasse e tagli, per “cambiare qui e ora, la politica senza speranza applicata sulle spalle dei cittadini, per sostituire le politiche neoliberiste e promuovere l’occupazione”.

Archivi