Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

guida

 

Dalla Nuova Zelanda, il progetto che insegna i segreti della guida ai cani. Quello che potrebbe sembrare un’idea senza senso è nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’intelligenza degli amici a quattro zampe meno fortunati; quello adottati, recuperati o salvati. L’iniziativa è dei responsabili del centro Spca di Auckland, dove tre cani stanno imparando a guidare per cercare di far cambiare la percezione delle persone sulla loro intelligenza. La Spca (Society for the Prevention of Cruelty to All Animals), è un’associazione che si occupa del recupero e l’adozione degli animali abbandonati. Protagonisti del progetto sono sono Monty, Ginny e Porter; loro fanno lezione tutti i giorni e, tra una settimana, dorvanno superare un test ufficiale che sarà trasmesso in diretta tv.

Guarda il video dei cani alla guida su Libero Tv

 

 

In tempi di crisi anche le spese per il romanticismo o le scappatelle vengono ridotte. Lo sanno bene gli innamorati che sempre più spesso sono costretti a rinunciare alle cenette a lume di candela, ai viaggi nelle città dell’amore e pure alle serate clandestine in hotel. In loro soccorso, però adesso c’è una guida, la C-guide, una sorta di Tripadvisor, dove vengono indicati i luoghi dove risparmiare senza rinunciare a nulla: alberghi, motel e bed and breakfast adatti alla propria relazione e alle proprie tasche. Il sito, on line da due settimane, è il primo in rete completamente dedicato ai luoghi del sesso mordi e fuggi, e già si è riempito di suggerimenti arrivati da coppie itineranti e più o meno clandestine. La tendenza, in linea con i tempi di ristrettezze economiche: quella di chi preferisce soluzioni a costo zero e all’aperto e torna a scegliere i luoghi della cosiddetta camporella, ovvero l’amore in parchi e altri luoghi pubblici, o i più nuovi ‘love parking’ (indicati sul sito come ‘parcheggi attrezzati’).

La più gettonata: Piazza Preservativo – Nella classifica dei luoghi dell’amore outdoor più romantici, sicuri e panoramici, al primo posto si colloca quella che a Messina viene chiamata Piazzetta dell’Amore o, confidenzialmente, Piazza Preservativo: una sorta di terrazza che si affaccia direttamente sullo Stretto di Messina e che proprio in questi giorni, su proposta di un assessore della Provincia della città siciliana, sarà dotata di un chiosco dove gli amanti potranno dissetarsi o mangiare un panino tra una tenerezza e l’altra. Secondo posto per il lago di Bracciano, in particolare il promontorio dove sorge Anguillara Sabazia. Terzo posto per i colli bolognesi: via di Casaglia è ricca di anfratti e luoghi dove ammirare il panorama della città a valle. Quarta posizione per la Sardegna: il lungomare di Pula viene considerato uno dei must per le coppiette di Cagliari e dintorni. Al quinto posto la Puglia, in particolare Spinazzola, dove sorge, appunto un boschetto particolarmente romantico, che è considerato uno dei luoghi prediletti dalle coppiette. 

La guida turistica Lonely Planet ha stilato la classifica delle 10 città più ignorate al mondo. Al primo posto il capoluogo del Friuli-Venezia Giulia. Il motivo? È un melting pot culturale che mantiene quel fascino e quell’eleganza del passato.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

A Trieste il premio città più bella e ignorata al mondo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’imprenditore miliardario Warren Buffett scende in campo e propone un candidato alla guida del Tesoro americano: Jamie Dimon, amministratore delegato di Jp Morgan, la banca d’affari che a causa di investimenti discussi e discutibili in derivati ha registrato la primavera scorsa un profondo rosso da oltre 6,2 miliardi di dollari, da sempre schierato con fermezza contro ogni tentativo di regolamentare Wall Street. Riforme che Dimon ha definito “anti americane” e “discriminanti”. Il banchiere, sempre secondo Buffett, è l’uomo giusto per guidare il dipartimento del Tesoro americano, soprattutto in momenti di crisi. “Nel caso di turbolenze finanziarie credo che sarebbe la persona migliore per occupare l’incarico, perché i leader di tutto il mondo avrebbero fiducia in lui”, ha dichiarato l’uomo d’affari, rispondendo a una domanda sull’amministratore delegato di Jp Morgan durante lo show televisivo Charlie Rose in onda sull’emittente Pbs.


pubblicato da Libero Quotidiano

Belpietro propone: Berlusconi offra a Renzi la guida del centrodestra. Siete d'accordo?

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Valzer di poltrone in Rai, dove Luigi Gubitosi pensa agli avvicendamenti nelle tre reti. Il direttore generale ha proposto Mario Orfeo, attuale direttore del Messaggero, per la direzione del Tg1. Cambi anche alla guida delle reti: Giancarlo Leone a Rai1, Angelo Teodoli a Rai2 e Andrea Vianello a Rai3. Le nomine saranno sottoposte al voto nel cda di giovedì prossimo.

Orfeo era indicato da diverse settimane come uno dei papabili all’incarico di direttore del tg della testata ammiraglia, insieme a Marcello Sorgi, già direttore del Tg1, e a Monica Maggioni, interna alla testata. In passato Orfeo in casa Rai ha già diretto il Tg2 e al Tg1 prenderebbe il posto di Alberto Maccari.

Cambiare la legge elettorale quando manca meno di un anno alle elezioni è contro le linee guida dell’Ue. Ma ecco cosa sta accadendo a Roma, mentre le “imprese italiane muoiono come mosche”.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Legge elettorale: Grillo, a Roma si lavora per il Monti-bis

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

In sei mesi hanno venduto più di cinquanta patenti di guida a cittadini italiani e ad extracomunitari per 2500 euro a persona, senza che questi sostenessero l’esame teorico. La procura di Bologna e i carabinieri del comando provinciale hanno smantellato questa associazione a delinquere con l’arresto di quattro persone accusate di corruzione, concorso in falso ideologico e concorso in corruzione.

Garantivano revisioni facili e corsie preferenziali per le pratiche di chi pagava le mazzette. Questo il quadro in cui, secondo l’accusa, operavano le dodici persone finite in manette nella giornata di venerdì 16 novembre tra Varese e Verbania, tutti accusati di una sfilza di reati in associazione che vanno dal peculato alla concussione, passando per la corruzione e il falso. Si tratta di alcuni ingegneri della motorizzazione civile e dei titolari di due scuole guida, una a Varese e una a Castellanza, sempre nel Varesotto.

Sarebbero almeno un centinaio le pratiche truccate grazie al sistema ordito dal sodalizio. Automobili e autocarri che, con la compiacenza di tutti gli appartenenti al sistema e dietro il pagamento di cospicue somme di danaro, potevano passare tranquillamente la revisione, senza temere bocciature o costose riparazioni.

di Rita Cavallaro

Una serata in discoteca per sensibilizzare i giovani sul grave rischio che si corre nel mettersi alla guida ubriachi e drogati. Al Jet Set, il locale sul laghetto dell’Eur, a Roma, ieri sera sono andati in scena i video, le testimonianze, i racconti delle vite spezzate sulle strade d’Italia. Giovani vittime di quello che, sempre più, si sta configurando come il delitto perfetto, perché un pirata della strada uccide e scappa via, lasciando dietro di sé il dolore dei familiari che molto spesso non trovano risposte, ma che, soprattutto, non hanno giustizia. All’evento “La Vita è bella. Non la buttare!”, promosso dal Movimento per la tutela dei diritti della persona L’Italia Vera, hanno partecipato politici e vip, tra cui Paola Concia, Claudio Brachino, Antonella Mosetti, Nicolas Vaporidis, che hanno letto le commoventi testimonianze dei genitori di ragazzi uccisi sulle nostre strade. Tutti insieme, in discoteca, per portare il messaggio in un luogo dove nella maggior parte dei casi comincia lo sballo che, tra cocktail e pasticche, può facilmente trasformarsi in uno schianto con la macchina. 

“Siamo qui per ricordarvi che basta un attimo di disattenzione o una regola non rispettata per distruggere tutto”, ha esordito Barbara Benedettelli, presidente de L’Italia Vera. “Siamo qui per tutelare il diritto alla vita, vostro e di tutti gli utenti della strada”. Poi, sul palco, si sono susseguiti gli interventi degli ospiti che, foglio alla mano, hanno letto i pensieri di madri che ancora piangono i figli. 

Accorati i videomessaggi di Maurizio Costanzo e Fiorello, rivolti ai giovani. “Meglio fermarsi a dormire in macchina, avvisando a casa, che rischiare la vita. Importante isolare i colpevoli”, ha affermato Costanzo. “Ho una figlia di vent’anni, non vi nascondo la preoccupazione”, ha aggiunto Fiorello, sottolineando che “noi vi aspettiamo a casa e ogni volta che uscite è un’ansia che ti stende. Bevete un bel analcolico o fatevi accompagnare da un amico che non beve, e godetevi la vostra splendida vita”. 

Preoccupati è dire poco, visti i dati dell’ultimo rapporto Istat-Aci sull’incidentalità. Secondo lo studio è all’alba, intorno alle 5 del mattino, che si verificano gli scontri più gravi, con 6 morti ogni 100 “incidenti”. Purtroppo è il sabato il giorno della settimana che segna il maggior numero di morti (641, pari al 16,6%). “Ecco perché abbiamo deciso di portare la Sicurezza Stradale in Discoteca, per sensibilizzare i giovani rispetto a un fenomeno che li coinvolge direttamente e che necessita di opere di sensibilizzazione come questa”, ha precisato Benedettelli, “ma anche di maggiore severità nelle sanzioni per prevenire, e nelle pene detentive per creare un forte deterrente e modificare l’atteggiamento morale delle persone”.

E per imprimere ancora di più nella mente dei giovani i rischi della guida alterata è stato proiettato il corto “Delitto Perfetto”, di Saverio Deodato, con Nicolas Vaporidis nella parte della vittima, per dimostrare come, a oggi, quello stradale è una sorta di omicidio perfetto. Importante anche il ruolo della Fondazione Ania che ha permesso ai giovani di testare la guida in stato alterato attraverso il simulatore e ha portato gli alcol test per mettere alla prova i ragazzi che per quella sera hanno deciso di diventare Bob, e bere solo analcolici per accompagnare a casa salvi i loro amici. Momenti più leggeri con la musica del prete rapper Don Fiscer e la testimonianza di Don Roberto di Chiara, che prima di farsi sacerdote spacciava droga in discoteca.

Archivi