213045961 e834ba39 61e3 4ee2 8ef1 8c6f75d561ba

Prato, due indagati per la morte dell’operaia. L’accusa del pm: “Rimossa una saracinesca protettiva”

Nei capannoni dell’Orditura Luana a Montemurlo è calato il silenzio totale. Dopo la morte della giovane Luana D’Orazio la procura di Prato ha aperto un’inchiesta. Il dipartimento di prevenzione e sicurezza sul lavoro dell’Asl Centro sta portando avanti le indagini per comprendere le dinamiche dell’incidente. Il nodo cruciale è scoprire se si sia trattato di un malfunzionamento dell’orditoio, la macchina che ha tolto la vita alla 22enne, o di una negligenza umana. «Siamo al lavoroleggi di più…

075532474 b393b97c 7e1c 482e bd64 8a799a7e7f5f

Pedopornografia e propaganda antisemita: 8 minori indagati a Pisa

Nella memoria del cellulare di uno dei ragazzini c’erano immagini di minori stuprati, scene di abusi e violenze. Gli investigatori dalla polizia di Pisa sono arrivati a quel telefonino partendo da una articolata attività investigativa cominciata nel 2019 quando indagavano su una presunta violenza sessuale. Quella vicenda processuale si è conclusa con una archiviazione, ma da lì parte una nuova inchiesta che adesso ha individuato e indagato otto minorenni responsabili, a vario titolo, di gravileggi di più…

103453342 e55947b6 5c13 4d85 956b d0cde633a001

Mascherine cinesi, i pm: “Gli indagati passavano per D’Alema per avvicinare Arcuri”. L’ex premier verrà sentito nei prossimi giorni

Gli indagati hanno fatto il suo nome parlando al telefono o sono stati pedinati mentre entravano nella sede della fondazione da lui presieduta. Per questo motivo l’ex premier Massimo D’Alema verrà ascoltato, come persona informata sui fatti, dai pubblici ministeri che si occupano dell’inchiesta relativa alla vendita di 5 milioni di mascherine e 430 mila camici, forniture che secondo i pm sarebbero state spacciate come dispositivi di protezione individuale sebbene non avessero superato “leggi di più…

144204645 e91960ee ccf2 4004 9b67 bf39c9d915a1

Maxi inchiesta ‘ndrangheta in Toscana: tra gli indagati anche il capo di gabinetto di Giani e un consigliere regionale Pd

I fanghi e le ceneri della combustione dei rifiuti prodotti dal distretto del cuoio di Santa Croce sull’Arno (Pisa) usati come materiale per costruire il quinto lotto della Strada regionale 429, tra Empoli e Castelfiorentino. Oltre 8 mila tonnellate di scarti altamente inquinanti, ricchi di cromo e altri metalli pesanti, sottratti alle procedure di smaltimento previste dalla legge con un risparmio di oltre 20 milioni di euro. È uno dei filoni principali dell’operazione che questa mattina haleggi di più…

192929536 c88eb34a ba75 4023 b114 e5436724eac1

Ponte Morandi, le contestazioni ai 68 indagati, per i pm “Autostrade scrisse il falso al Ministero”

Invitati dal gip Angela Nutini a formulare le contestazioni a ciascun indagato sul crollo del Ponte Morandi, i pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno affermano che “nessuna norma del codice impone al pm di formulare nessuna enunciazione in questa fase”. Ma non si oppongono alla richiesta. Ed elencano un sommario gruppo di nomi a cui associano gli addebiti penali. A tutti i 68 iscritti della prima ora, dopo il disastro del 14 agosto 2018 e la morte di 43 persone si contestano i rleggi di più…

135300280 2465a36e ea43 47ee 8e63 45e602de3c6c

Appalti e scambio di voti in Val d’Aosta: indagati tre ex presidenti di regione

Appalti e favori in cambio di voti: con queste accuse si sono chiuse le indagini dell’inchiesta Egomnia sulla ‘Ndrangheta in Valle d’Aosta nei confronti di cinque politici e tre esponenti delle cosche. 
L’indagine, condotta dal reparto operativo dei carabinieri di Aosta e coordinata dai pm Stefano Castellani e Valerio Longi della Dda di Torino, ha ricostruito il condizionamento da parte delle famiglie della ‘Ndrangheta delle elezioni regionali del 2018. Tra gli indagati per voto di scleggi di più…

064504871 7ae9808c 3450 4f84 aff5 eec59a3ed301

Le mani di Cosa nostra sulle scommesse online: 336 indagati, disposto il sequestro di 80 milioni

Le infiltrazioni della mafia nelle scommesse sportive online. C’è anche questo business tra gli affari del clan Santapaola-Ercolano. Un’operazione della guardia di finanza, nome in codice “Doppio gioco”, è scattata all’alba tra la Sicilia, l’Emilia Romagna e la Puglia. Ma il blitz ha interessato anche Germania, Polonia e Malta. Sono 336 gli indagati, 23 le misure cautelari (12 in carcere, due ai domiciliari e 9 le interdizioni). Sequestrati disponibilità finanziarie, terreni e società per 80leggi di più…

160314650 c160ba88 d4a2 4633 883f fd1747ae313b

Padova, i vertici dell’azienda di borse OBag indagati per frode fiscale

PADOVA. Indagine della Guardia di finanza di Padova sulle borse che spopolano tra i giovani. I militari delle fiamme gialle stanno compiendo accertamenti sull’azienda che produce O Bag, le borse colorate e personalizzabili, un miracolo commerciale capace di far lievitare il fatturato a 100 mila euro in pochi anni, con 358 punti vendita nel mondo. I soci e gli amministratori della società con sede a Campodarsego (Padova), secondo i finanzieri, avrebbero nascosto al Fisco oltre 16 milioni di euleggi di più…

074527754 d33d6545 e25c 4fe5 a2a2 0144fc8d41b3

Inchiesta mascherine, gli indagati scherzavano: “Tanto Arcuri compra a occhi chiusi”. La Finanza: “Acquisti senza vedere le certificazioni”

Non è finita. L’inchiesta sulle maxi commesse per gli 800 milioni di mascherine acquistati dal Commissario Straordinario marcia spedita: a pochi giorni dal sequestro di 70 milioni di euro, arrivano le prime misure verso cinque degli otto indagati.
Il giudice, su richiesta della procura, ha disposto i domiciliari per Edisson Jorge San Andreas Solis e quattro interdittive del divieto temporaneo dell’esercizio di attività di impresa e del divieto di ricoprire incarichi o uffici direttivi in persoleggi di più…

101440064 0b39aaa3 3247 4b7a a20f 6fdf5e1701d5

Assenteismo e corruzione, all’Asl di Caserta: tra gli indagati anche il presidente del Consiglio della Campania

Figura anche il presidente del Consiglio regionale della Campania Gennaro Oliviero, tra le persone indagate nell’inchiesta del Nas e della Procura di Napoli Nord sull’Asl di Caserta, che ha consentito di fare luce su numerosi episodi di assenteismo, corruzione e gare d’appalto truccate. Secondo quanto si apprende, ad Oliviero viene contestato il reato di traffico influenze in relazione a un singolo episodio.
L’inchiesta “Penelope”
Dodici arresti, 6 misure interdittive, 79 indagati (tra funzionarleggi di più…