02eaec18967f7c29df6be5bc4b88e346

Istat: costruzioni a -3,6% a maggio, su trimestre +7,8%

(ANSA) – ROMA, 21 LUG – A maggio 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca del 3,6% rispetto ad aprile. Lo afferma l’Istat.    Nella media del trimestre marzo-maggio 2021 la produzione nelle costruzioni aumenta del 7,8% rispetto al trimestre precedente.    Su base tendenziale l’indice grezzo della produzione nelle costruzioni aumenta del 37,3%, mentre l’indice corretto per effetti di calendario (21 giorni lavorativi contro 20 di maggio 2020)leggi di più…

ac66e833facdce0a89236f6e26e6309e

Istat: fatturato industria maggio -1%, trimestre +4,7%

(ANSA) – ROMA, 21 LUG – A maggio il fatturato dell’industria si stima diminuisca dell’1%, in termini congiunturali.Lo afferma l’Istat al netto dei fattori stagionali. Il calo è determinato dall’andamento del mercato interno(-1,9%) mentre si rileva un moderato incremento su quello estero(+0,7%). Nella media del trimestre marzo-maggio l’indice complessivo è cresciuto del 4,7% rispetto al trimestre precedente. A maggio gli indici destagionalizzati delle principali industrie segnano un aumento conleggi di più…

bd8e06e9c7c3d5302bee82a90ee88039

Inflazione: Istat conferma stime, a giugno ferma all’1,3%

L’Istat conferma le stime preliminari dell’inflazione che a giugno resta ferma all’1,3% su base annua (come nel mese precedente).    Nel mese di giugno, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, dice l’Istat, registra un aumento dello 0,1% su base mensile, confermando la stima preliminare. L’Istat spiega che l’inflazione è sostenuta ancora prevalentemente dai prezzi dei Beni energetici, regolamentati e non. Alcuni segnali di lieve ripreleggi di più…

ebf9a1db241e1449ae2836dafb871943

Istat, italiani ‘formiche’ sui consumi nell’anno della pandemia e minimo storico delle nascite

“Nel 2020 il reddito disponibile delle famiglie consumatrici si è ridotto del 2,8% (meno 32 miliardi), quasi azzerando la crescita del biennio precedente. Ma gli italiani si sono comportati da ‘formiche’: i consumi finali hanno subito una caduta di dimensioni molto più ampie (meno 10,9%) e mai registrate dal dopoguerra” e la propensione al risparmio è salita dall’8,1 al 15,8%. Lo rileva l’Istat nel rapporto 2021 sulla situazione del Paese. Il reddito primario delle famiglie è sceso di 92,8 mleggi di più…

9793dfef280ca96e46c7e07cb036e129

Casa: Istat,vendite III trimestre 2020 +1,8% su anno

(ANSA) – ROMA, 02 LUG – Intonazione robusta per il mercato immobiliare nel III trimestre del 2020 che mette le ali al Sud e nei piccoli centri. Complessivamente nel periodo sono 186.867 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari. Le compravendite aumentano del 48,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,8% su base annua. E’ quanto risulta dai dati Istat che evidenziano come nel III trimestre 2020 l’indicleggi di più…

631f95463312ba81f4f812d4be90b408

Covid: Istat, centro-nord più colpito da crisi, -9% Pil 2020

Nel 2020 la crisi ha colpito più il centro-nord con un calo del Pil del 9%. Nel Nord-ovest e nel Nord-est, il prodotto interno lordo è diminuito in volume del 9,1%. La contrazione è stata meno accentuata al Centro (-8,8%) mentre il Sud ha subito la perdita più contenuta (-8,4%). E’ quanto risulta dalla stima preliminare dell’Istat. Il settore più penalizzato è stato quello del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni che al Nord-est e nel Mezzogiorno ha perso il 14,5% deleggi di più…

dd6af781fd0906d396bc1576477cf360

Istat: occupazione cresce a maggio ma solo a termine

(ANSA) – ROMA, 01 LUG – Rispetto ad aprile, nel mese di maggio 2021 si registra un aumento degli occupati e una diminuzione sia dei disoccupati sia degli inattivi.La crescita dell’occupazione (+0,2%, pari a +36mila unità) coinvolge gli uomini, i dipendenti a termine e i minori di 35 anni; diminuiscono, invece, le donne, gli autonomi e gli ultra 35enni.    Lo afferma l’Istat.    Il tasso di occupazione sale al 57,2% (+0,1 punti). La diminuzione delle persone in cerca di lavoro (-1,4% rispeleggi di più…

d30e2350a7536f49a9f56baaa3941d19

Industria: Istat, produzione aprile +1,8%, oltre pre-Covid

Ad aprile 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dell’1,8% rispetto a marzo: si tratta del quinto mese consecutivo di crescita congiunturale e il livello “supera i livelli prepandemici di febbraio 2020”. Lo comunica l’Istat, indicando anche il fortissimo rimbalzo tendenziale.
Nel confronto annuo e corretto per gli effetti di calendario l’indice complessivo aumenta infatti del 79,5%, “in ragione del dato eccezionalmente basso di aprile 2020”, quando ebbeleggi di più…

9e55cfaf128a2cae4dd65f7883692a04

Istat: vendite al dettaglio giù ad aprile, -0,4%

Ad aprile 2021 le vendite al dettaglio segnano un calo rispetto al mese precedente pari a -0,4% in valore e -0,5% in volume. Le vendite dei beni alimentari sono in aumento (+1,0% in valore e in volume) mentre calano quelle dei beni non alimentari (-1,5% in valore e -1,7% in volume). Rispetto ad aprile 2020, le vendite al dettaglio aumentano del 30,4% in valore e del 31,5% in volume. Lo comunica Istat. Nel trimestre febbraio-aprile 2021, in termini congiunturali, le vendite al dettaglio aumentanoleggi di più…

f64f20d0213d69456e5b7d90d7562f05

Sul Pil l’Istat vede rosa, possibile verso +5% nel 2021

L’economia italiana è in ripresa e si prepara a mettere a segno un rialzo del Pil che quest’anno potrebbe sfiorare il 5%. L’Istat nelle prospettive per il 2021-22 certifica una previsione più che positiva, migliore per l’anno in corso di tutte le stime finora diffuse, di Governo, Commissione europea, e le ultime di Bankitalia, Ocse e Fmi. L’Istituto di statistica prevede, infatti, “una sostenuta crescita” del Prodotto interno lordo nel 2021 indicando un +4,7% e nel 2022 con un +4,4%. Un “decisleggi di più…