172924298 a8ff5fef 0d8d 4110 a5dd 35476dffd817

Legge Zan, il leghista Ostellari: “Io omofobo? No, ma prima vengono il processo civile e la violenza sugli animali”

“La Lega non vuole il ddl Zan perché omofoba? Assolutamente no. Omofobo io? Ci mancherebbe. Ma sono altre le priorità per cui questa maggioranza di unità nazionale è nata. E in commissione Giustizia abbiamo la riforma del processo civile, la magistratura onoraria, il disegno di legge contro le violenze sugli animali incardinati e che hanno già una precedenza. Sul ddl Zan decideremo”. Andrea Ostellari è il leghista presidente della commissione Giustizia del Senato, dove la legge contro lleggi di più…

162213541 c6c725b6 8665 4df0 b930 29b8e4f542e5

La frase omofoba del consigliere leghista: “I gay si comportino da persone normali”

https://video.repubblica.it/edizione/bologna/reggio-emilia-la-frase-omofoba-del-consigliere-leghista-i-gay-si-comportino-da-persone-normali/385201/385929?rss
Copia <iframe class=”rep-video-embed” src=”https://video.repubblica.it/embed/edizione/bologna/reggio-emilia-la-frase-omofoba-del-consigliere-leghista-i-gay-si-comportino-da-persone-normali/385201/385929&width=640&height=360″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe>
Copia “I gay si comleggi di più…

101920871 108e0f47 8b47 4b86 bc2e a204f5eb0ec6

Omofobia, crepe nel fronte leghista: Zaia apre alla legge Zan

La Lega tiene bloccata al Senato la legge contro l’omofobia, ma nel fronte leghista ci sono le prime crepe. Luca Zaia, ad esempio, sul Corriere del Veneto ieri interviene nel dibattito sulla legge che porta il nome del deputato dem e attivista lgbt Alessandro Zan e che la Camera ha già approvato nel novembre scorso. “Immagino che questo provvedimento verrà prima o poi realizzato”, afferma il governatore del Veneto, che rappresenta l’altra faccia della Lega, quella legata più a Giancarlo Giorgleggi di più…

095252105 761afe55 cb31 46d9 ab28 682bc6279804

L’imbarazzo del Copasir a trazione leghista: non si riunisce per non dover parlare dei rapporti con Mosca

L’ARRESTO del capitano di fregata della Marina Militare, Walter Biot, ha aperto un caso politico. Interno. Perché la spy story scoppiata sull’asse Roma-Mosca ha fatto emergere, nella sua delicatezza, l’anomalia che il Parlamento sta vivendo dalle settimane precedenti all’insediamento del governo Draghi: negli ultimi tre mesi infatti il Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, non si è mai riunito. E non per caso. I segreti Nato nelle medicine. L’ufficialeleggi di più…

080319020 f4e247a5 bc22 4465 811e f7dc4cbd4c67

Selfie con i pazienti della terapia intensiva per il deputato leghista Gusmeroli: “Una visita del cuore”

Ha fatto un giro di oltre un’ora nelle terapie intensive e sub intensive dell’ospedale di Borgomanero. Ha salutato i ricoverati, quelli coscienti, ha parlato con i medici e gli infermieri. Poi ha scattato dei selfie. Che sono finiti in un lungo post sulla pagina Facebook. I volti sono coperti, ma il dolore è in primo piano. Il protagonista di quella che lui stesso definisce un “visita del cuore e nel cuore dei reparti di terapia intensiva” è Alberto Gusmeroli, deputato della Lega ex sindaco, oleggi di più…

172652055 827aacba 2e54 4c4b b020 ac2e76e59171

Sottosegretari, il leghista Molteni all’Interno spodesta il Pd: malumori e proteste fra i dem

ROMA – Le proteste dem sui social sono cominciate subito dopo avere letto l’elenco dei sottosegretari. Contestazioni che approdano anche nella direzione del partito di oggi, convocata per discutere di donne e di parità di genere. Però centrale diventa la questione dell’immigrazione e dei diritti. Come è stato possibile che il Pd abbia “spresidiato” il Viminale, senza neppure un sottosegretario là dove si decide dei dossier su immigrati, sicurezza e accoglienza e dove ci sono regolamenti da uleggi di più…

081536673 99bb66fe ae93 49bc 80c4 3acaecb954ad

Il sottosegretario leghista all’Istruzione cita Dante ma è Topolino: lo scivolone social di Rossano Sasso

Voleva citare Dante, e invece era Topolino. Pochi giorni prima di essere nominato sottosegretario all’Istruzione nel governo guidato da Mario Draghi, il deputato barese della Lega Rossano Sasso ha pubblicato una sua foto sulla sua pagina Facebook, accompagnandola a una citazione di Dante Alighieri: “Chi si ferma è perduto, mille anni ogni minuto”. Governo Draghi, torna Bellanova e new entry Sasso (Lega) all’Istruzione: la Puglia incassa una viceministra e 4 sottosegretari
di Cenzio Di Zanni 24leggi di più…

221553956 5bb66e4c a944 489e 9702 0c551ea9b9f2

Massimo Garavaglia, il leghista “riapre” il ministero del Turismo

Massimo Garavaglia, “Sgara” per gli amici è un leghista della prima ora, che ha fatto la gavetta. Cinquantatré anni, uno in meno di Giancarlo Giorgetti, si è laureato anche lui alla Bocconi, ma pure in Scienze politiche all’università Statale. Ha iniziato la sua carriera come sindaco di Macallo con Casone, il comune dove vive. Poco più di seimila abitanti nell’hinterland milanese. La sua passione giovanile, oltre alla politica è stata la musica. Suonava nel complesso dialettaleleggi di più…

190500661 25430503 f536 41ab 8a9f a4354a4d9203

Ue, dilemma leghista domani sul voto per il Recovery. Fi: “Lega voti sì.”. Il partito di Salvini: “Decidiamo dopo incontro con premier”

Domani prima cartina di tornasole per la Lega, visto che al Parlamento europeo si vota il regolamento che istituisce il recovery, sul quale in precedenza la Lega si era astenuta. Il gruppo al momento è spaccato tra chi vuole continuare ad astenersi e chi, nel nome del futuro governo Draghi, voglia votare a favore. I 5S hanno lanciato un appello con un comunicato in cui auspicano che tutti i partiti italiani votino a favore nell’interesse nazionale. Fdi invece si asterrà ancora.
La Lega decidleggi di più…

Rivoli contro il gender a scuola il Comune leghista chiede ai maestri relazioni preventive sugli argomenti da trattare

Rivoli, contro il “gender a scuola” il Comune leghista chiede ai maestri “relazioni preventive sugli argomenti da trattare”

La Lega bandisce la presunta “educazione gender” dalle scuole elementari di Rivoli, alle porte di Torino, e non solo intima agli insegnanti di vigilare contro una cultura “che in alcune scuole italiane si è insinuata nei programmi didattici”, ma chiede “preventive e dettagliate relazioni scritte alle famiglie sugli argomenti che i docenti intendono trattare con gli alunni”. Per questo l’amministrazione cittadina deve “vegliare sull’educazione e segnalare a tutto il mondo scolastico che l’educazleggi di più…