111721239 f4868081 6378 4a38 8649 4b7c932f49f2

Ue, migliorate le stime sul Pil italiano 2020: -8,8%. Ma ripresa più lenta nel 2021

MILANO – Il 2020 è andato meno peggio del previsto, ma per l’anno in corso la ripresa sarà più lenta. E’ questa la diagnosi della Commissione Europea sui conti pubblici italiani nelle sue previsioni economiche di inverno. Secondo l’esecutivo Ue, l’Italia ha chiuso il 2020 con un calo del Pil dell’8,8% (rispetto al -9,9% ipotizzato a novembre), ma per il 2021 è previsto un rimbalzo del 3,5% a fronte del 4,1% atteso.
Da Bruxelles arrivano quindi buoni segnali per l’intera economia dell’Eurozonleggi di più…

Industria Anima per meccanica prevista ripresa lenta e graduale nei prossimi due anni

Industria: Anima, per meccanica prevista ripresa lenta e graduale nei prossimi due anni

Condividi: 12 gennaio 2021 Milano, 12 gen. (Adnkronos) – Il 2020 si chiude con il segno negativo per la meccanica italiana, ma le aziende si dimostrano moderatamente ottimiste per il futuro. Dall’inizio della diffusione della pandemia da Covid-19 Anima Confindustria, l’associazione del settore, ha diffuso quattro sondaggi sulle stime delle imprese dell’impatto della crisi sul fatturato aziendale. E, partendo dal primo sondaggio, continua ad attenuarsi la previsione sulle perdite del fatturaleggi di più…

Brusaferro La decrescita del virus e lenta. Impossibile allargare le regole sugli spostamenti

Brusaferro: “La decrescita del virus è lenta. Impossibile allargare le regole sugli spostamenti”

“La situazione dell’epidemia è in decrescita, ma in decrescita lenta. In tutte le regioni c’è un calo dei contagi, alcune però sono in fase stabile o in lieve crescita. L’incidenza sui 14 giorni è ancora molto alta. Impossibile con questi numeri pensare di passare dalla fase di mitigazione a quella del contenimento”. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, nella conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio del coronavirus.”Il dato sui morti sarà lleggi di più…