Addio a Emanuele Macaluso il combattente che si ricordava tutto lultimo saluto nel giorno del centenario del Pci

Addio a Emanuele Macaluso, il combattente “che si ricordava tutto”: l’ultimo saluto nel giorno del centenario del Pci

“Parlare con Emanuele Macaluso era come andare a prendere l’acqua al pozzo”, lo ricorda il ministro Giuseppe Provenzano. “Non dimenticava nulla, perciò è impossibile dimenticarlo”. È come se un regista invisibile avesse previsto tutto questo: i funerali laici nel giorno del centenario del Pci, a cui Macaluso, morto lunedì a 96 anni, aveva consacrato tutta la vita.
La cerimonia si tiene laddove tutto è cominciato: nel piazzale antistante la sede del Cgil, il sindacato era stata la sua grandleggi di più…

Commemorazione Macaluso in Senato Casellati ne ricorda le origini e lo spirito in Aula

Commemorazione Macaluso in Senato, Casellati ne ricorda le origini e lo spirito in Aula

Commemorazione Macaluso in Senato, Casellati ne ricorda le origini e lo spirito in Aula – Libero Quotidiano 20 gennaio 2021
Condividi: A seguire
Video Vista (Agenzia Vista) Roma, 21 gennaio 2021 Commemorazione Macaluso in Senato, Casellati ne ricorda le origini e lo spirito in Aula “Senatori, desidero invitare l’aula a stringersi in un momento di solenne raccoglimento in ricordo del senatore Emanuele Macaluso. Nato a Caltanissetta il 21 marzo 1924, figlio di un opleggi di più…

Macaluso Folena piangiamo grande protagonista della Sinistra perdita grandissima

Macaluso: Folena, ‘piangiamo grande protagonista della Sinistra, perdita grandissima’

Condividi: 19 gennaio 2021 Palermo, 19 gen. (Adnkronos) – “Una perdita grandissima, cento anni dopo la nascita del PCI. Ha scritto la storia del PCI e dell’Unità. È stato protagonista delle lotte per il riscatto della Sicilia. E’ stato parte attiva e dirigente di una battaglia politica dentro la sinistra, accentuatasi dopo la scomparsa di Enrico Berlinguer, e abbiamo avuto divergenze. Quando ero segretario della FGCI dopo l’inizio di una rubrica sull’Unità che chiamai “Terra di nessuno”,leggi di più…

Emanuele Macaluso passeggiando sotto casa tra il Migliore e Berlinguer

Emanuele Macaluso: passeggiando sotto casa tra il Migliore e Berlinguer

«Sono l’unico ancora in vita che è stato nella segreteria del Pci con Togliatti» dice con civetteria Emanuele Macaluso, mentre si avvicina alla chiesa di Testaccio, a Roma. Togliatti è morto nel 1964. E Macaluso era già qualcuno. Il vecchio senatore è uscito per la sgambata pomeridiana, avvolto nel cappotto e con la coppola calcata sul capo. Chi si ricorda più della storia centenaria della sinistra italiana? Macaluso, che ha 96 anni, («quasi 97», celia), la sa a memoria, visto che lleggi di più…

Macaluso quellultimo comizio a Portella della Ginestra in cui invito i giovani a impegnarsi

Macaluso: quell’ultimo comizio a Portella della Ginestra in cui invitò i giovani a impegnarsi

Condividi: 19 gennaio 2021 Palermo, 19 gen. (Adnkronos) – “Questa sarà forse la mia ultima presenza qui a Portella. Volevo tornare qui oggi dove sono cresciuto politicamente”. Era il primo maggio del 2019 ed Emanuele Macaluso tenne il suo ultimo comizio davanti a una piccola folla che si era radunata a Portella della Ginestra, in Sicilia, nel luogo in cui il primo maggio del 1947 la banda di Salvatore Giuliano sparò contro la folla radunata per la festa del Primo maggio, uccidendo 11 leggi di più…

Addio a Emanuele Macaluso storico dirigente comunista

Addio a Emanuele Macaluso, storico dirigente comunista

Fino all’ultimo Emanuele Macaluso, morto stanotte a 96 anni, ha mantenuto uno sguardo curioso sul mondo. Era sorprendentemente sul pezzo. Ancora la settimana scorsa, dal letto d’ospedale, chiedeva della crisi di governo. La politica fino all’ultimo è stata la sua dannazione. “E al giornale, che si dice?”, domandò, con un filo di voce. A Natale aveva avuto un problema al cuore, che sembrava risolto, ma la notte prima di lasciare la clinica era caduto. Lo incoraggiai a tenere duro. “Ma cosa vuoileggi di più…

Macaluso una vita difficile Io comunista in galera per adulterio

Macaluso, una vita difficile: “Io, comunista, in galera per adulterio”

ROMA – “A sedici anni mi ammalai di tubercolosi, mi diedero pochi mesi di vita, finii in sanatorio, a Caltanissetta era su in collina, un monte chiamato Babbaurra, là rimasi rinchiuso per molti mesi, non mi veniva a trovare nessuno, solo mio padre veniva, ma una mattina, sfidando il bacillo di Koch, mi trovai davanti Gino Giannone, il figlio del libraio della città. Era più grande di me, tante volte avevamo condiviso le nostre idee. Disse: ‘Conosco i tuoi sentimenti. Se vuoi ti posso collegarleggi di più…