101804777 a08aef34 86b2 4f2e ab52 0243f506ee32

Continua il recupero delle industrie italiane, ma la produzione resta sotto i livelli pre-pandemia

MILANO – Continua il recupero della produzione industriale italiana a febbraio, per quanto nei numeri Istat emerga ancora un livello inferiore rispetto allo stesso mese del 2020, l’ultimo prima che scoppiasse la pandemia del Covid.
A febbraio l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della produzione cresce dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti di calenleggi di più…

e4045130842e01742aa655800dedfb26

Industria: Istat; produzione febbraio +0,2% mese, -0,6% anno

 A febbraio l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della produzione cresce dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti di calendario, a febbraio 2021 – mese immediatamente precedente le restrizioni legate all’emergenza sanitaria – l’indice complessivo diminuisce rispetto a febbraio 2020 in termini dello 0,6% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 20leggi di più…

5e70aa645c1a1b13a9cebc169ce49657

Borsa: Europa migliora dopo produzione Italia, Milano +0,45%

(ANSA) – MILANO, 13 APR – Il rialzo della produzione industriale italiana in febbraio, seppure inferiore alle stime favorisce le principali borse europee, da Milano (+0,45%) a Francoforte (+0,34%), Madrid (+0,36%) e Parigi (+0,42%). Più cauta Londra (+0,08%), che gira in positivo. Positivi i futures Usa in attesa attesa della fiducia Zew in Germania e nell’Ue, del report mensile dell’Opec, dell’inflazione americana in marzo, del Red Book mensile sul commercio, degli interventi di 4 membri del Fleggi di più…

020825665 edc386cb 63db 42a8 b9e9 60e7e882533a

La crisi di produzione di microchip frena l’industria americana. E Biden convoca un vertice dei fabbricanti

New York La General Motors è costretta a nuovi tagli di produzione, fermando temporaneamente alcune fabbriche da cui escono Suv con marchio Cadillac e Chevrolet. In un periodo di ripresa economica e di rilancio dei consumi, è un controsenso. Ma il problema che affligge Gm non è una domanda debole, è la penuria di semiconduttori. 
Anche la Ford ha dovuto rallentare o fermare stabilimenti, e nel resto del mondo dalla Toyota alla Volkswagen molte grandi case automobilistiche soffrono di questaleggi di più…

3f96ce0ad58015fc0f13312288a40460

Vaccini: Mise, almeno 4 aziende disponibili per produzione

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – La riunione del quarto tavolo sui vaccini, che si è svolta al Mise, è durata circa un’ora e ha evidenziato un positivo avanzamento di contatti con le aziende disponibili e in grado di produrre in Italia i vaccini anti covid. Lo si legge in una nota del Mise, in cui si precisa che sono al momento già almeno 4 le aziende pronte a produrre direttamente o conto terzi.    Nel corso dell’incontro è stata espressa soddisfazione perché l’Italia partecipa così alla competleggi di più…

185941689 24cfc0da 2125 4f0d b62a 8e0858e64aaf

Mondo, svolta bio contro la crisi dei palloni. Ma la produzione va in Spagna e si teme per il lavoro

MILANO – Un bio-calcio alla crisi per rilanciare gli affari, nel mezzo però dei timori di una parte dei suoi lavoratori, quelli italiani, che si vedono sfuggire la produzione dalle mani in favore dei colleghi spagnoli.
Con i suoi Super Tele, Super Santos e Tango ha alimentato i sogni di generazioni di ragazzini che hanno calciato quegli spicchi arancioni e neri su spiagge, campi impolverati e strade di quartiere. Da Gallo d’Alba, dove è stata fondata nell’immediato Dopoguerra da Edmondo Stroppleggi di più…

115610539 b7ca591b ab2e 43b4 9586 196b45bceebf

ArcelorMittal annuncia che riduce la produzione e la cig per altri 500 operai di Taranto ma poi fa dietrofront

Dopo l’annuncio del 19 marzo della riduzione della produzione arriva il dietrofront con la conferma della ripartenza di alcuni impianti. Un braccio di ferro con in mezzo i lavoratori e la città. Da una parte ArcelorMittal che aveva comunicato la riduzione della produzione e annunciato la cassa integrazione per altri 500 dipendenti per un totale di circa 4.200, mentre quelli delle ditte dell’appalto attendono ancora mensilità. Dall’altra il governo e Invitalia che avrebbe dovuto versare leggi di più…

0ebade75f0c116daa689719853e6f614

A.Mittal: riduciamo produzione e rallentiamo investimenti

Aminvestco annuncia “una riduzione dei suoi livelli di produzione ed un rallentamento temporaneo dei suoi piani di investimento”. Le misure “saranno in vigore fintanto che Invitalia non adempierà agli impegni presi con l’Accordo di Investimento”. Lo si legge in una nota della società. “Ad oggi – si legge nella nota – Invitalia non ha ancora sottoscritto e versato la sua quota di capitale e quindi non ha adempiuto agli obblighi previsti dall’Accordo” che Aminvesto definisce “di natura vincolantleggi di più…

95854b2e38fb0ec133159e85a7cdbbe6

Arcelor Mittal: ‘Riduciamo produzione e rallentiamo investimenti’

Aminvestco annuncia “una riduzione dei suoi livelli di produzione ed un rallentamento temporaneo dei suoi piani di investimento”. Le misure “saranno in vigore fintanto che Invitalia non adempierà agli impegni presi con l’Accordo di Investimento”. Lo si legge in una nota della società. “Ad oggi – si legge nella nota – Invitalia non ha ancora sottoscritto e versato la sua quota di capitale e quindi non ha adempiuto agli obblighi previsti dall’Accordo” che Aminvesto definisce “di natura vincolantleggi di più…

103110661 2fbd3b28 1e9d 4d3b 968a ff70c3a98431

L’industria conferma la lieve ripresa a gennaio: produzione a +1% su dicembre

MILANO – L’Istat vede segnali di ripresa dell’industria italiana, seppur lievi in consolidamento a gennaio: nel primo mese dell’anno nuovo, infatti, l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dell’1,0% rispetto a dicembre. Nella media del trimestre novembre-gennaio si registra, invece, una flessione dell’1,7% rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti di calendario, l’indice complessivo diminuisce rispetto a gennaio 2020 del 2,4% (i giorni lavorativi di cleggi di più…