153606431 c70c85db dea3 40bc bfc6 3b9a38d13931

Governo, ultima settimana di lavoro sul Recovery plan. I nodi Alitalia sul tavolo. Intanto i mercati guardano alla Bce

MILANO – Ultima settimana di lavoro per il governo sul piano per il Recovery fund, prima della presentazione all’Europa che Palazzo Chigi ha confermato entro il 30 aprile: fonti dell’esecutivo hanno escluso il ventilato slittamento a metà maggio della presentazione del piano a Bruxelles. Il premier Mario Draghi, secondo la ‘road map’ già prevista, illustrerà il piano alle Camere il 26 e 27 aprile. Prima ancora di quella data, ci sarà un passaggio in Consiglio dei ministri. Parallelamente potleggi di più…

81618ad4d7ab0e68667bfd8cc2898111

P.a: Flp, diventi efficiente o il recovery plan fallirà

(ANSA) – ROMA, 16 APR – “Senza una pubblica amministrazione efficiente il Recovery Plan è destinato al fallimento”. È questo l’allarme del segretario generale della FLP – Federazione dei Lavoratori Pubblici e delle Pubbliche Funzioni, Marco Carlomagno, durante il suo intervento oggi all’evento “Italia 2021. Le sfide della Pubblica Amministrazione” dove indica le parole d’ordine: assunzioni, cambio di mentalità, valorizzazione delle competenze.    Ha aperto i lavori il ministro della Pubblileggi di più…

f0a0495dde9117f2f89dc068e6eda4ae

Recovery: Giovannini, per infrastrutture circa 50 mld

(ANSA) – MILANO, 15 APR – “Il piano nazionale di ripresa e resilienza deve privilegiare interventi, anche infrastrutturali, che incorporino la componente ambientale”. I fondi per il ministero delle infrastrutture “sono circa 50 miliardi” e le scelte sono chiare: “potenziamento del trasporto su ferro, ammodernamento delle flotte del trasporto pubblico locale in senso ecologico, investimento sui porti, digitalizzazione per la sicurezza di strade e autostrade”. Lo ha detto il ministero delle Infrasleggi di più…

103250533 59d7980f f582 49cf b675 969107ebdfd3

La sferzata della Bce: “Recovery fund sia subito operativo”. La Ue lancia il piano di finanziamenti da 800 miliardi

MILANO – “E’ di fondamentale importanza che il Next generation Eu diventi operativo senza indugi, in quanto permetterebbe agli Stati membri di far ripartire le loro economia, rafforzare la loro resilienza e alimentare l’innovazione”. Così il vicepresidente della Bce, Luis de Guindos, sprona i Paesi membri ad accelerare la messa in opera del Recovery fund, sul quale pende ancora il verdetto dei giudici tedeschi e la discussione sul finanziamento attraverso l’emissione di Eurobond. Il suo annuncileggi di più…

4ae03d41744ae6798392312f36c2f8c4

Recovery: Fercargo, preveda integrazione trasporto merci

(ANSA) – ROMA, 13 APR – Rilanciare il comparto ferroviario delle merci, “che rappresenta un settore chiave per la “transizione ecologica”, attraverso la revisione delle politiche nel settore dei trasporti “con la finalità di orientarle verso l’integrazione delle diverse componenti della catena logistica”.    E’ quanto chiede il Forum FerCargo nel suo Position Paper sul Piano nazionale di ripresa e resilienza inviato al Ministro e ai Vice Ministri del Ministero delle Infrastrutture e della Moleggi di più…

6f146e776c261e9d65db4addb320aeeb

Ipotesi di un fondo per le opere escluse dal Recovery

Creare subito un fondo ad hoc per le opere che, pur valide, non riusciranno a entrare nel Recovery Plan: è, secondo quanto si apprende, una delle ipotesi su cui il governo è al lavoro in queste ore, in vista del varo del Def e della richiesta di scostamento. Il fondo – di cui aveva parlato il ministro dell’Economia Daniele Franco in Parlamento – sarebbe infatti finanziato in prima battuta con una quota dell’extradeficit. “Una parte importante dei 209mld del Recovery Plan andranno al SUD. Un’oleggi di più…

f3fa71e5624c9f5a8ea498909ceb3818

Per il Recovery regia a Palazzo Chigi e task force locali

Una regia “politica”, a Palazzo Chigi e con tutti i ministri interessati. Una struttura centralizzata di controllo, “l’unica forma di presenza del governo nel Pnrr”, e poi la responsabilità diretta di Comuni, Province e Regioni sui 200 miliardi di interventi del Recovery Plan. Con task force locali che entreranno in campo per aiutare gli enti a ‘mettere a terra’ i progetti. Prende forma la governance del Piano di ripresa e resilienza che l’Italia, assicura il premier Mario Draghi, presenterà eleggi di più…

184014744 a8b7e664 9f41 4eb8 b7e5 f1817fa4c73c

Recovery plan, Draghi alle Regioni: “Supervisione a Palazzo Chigi con ministri, poi task force locali”

MILANO – A pochi giorni dalla scadenza (fine mese) del tempo per consegnare il Pnrr all’Europa, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto il punto sul Recovery plan italiano agli enti locali spiegando innanzitutto quale sarà la governance per gestire gli oltre 200 miliardi del programma. Covid, Salvini da Draghi alza la posta: “Possibile riaprire almeno sei regioni ad aprile, non si può vivere in rosso a vita”
08 Aprile 2021 La supervisione politica del Recovery plan è affidata a leggi di più…

7b11c3fa2cf8ef9983f15d613a114115

Recovery: focus ASviS su pandemia e resilienza

(ANSA) – ROMA, 06 APR – Il Covid-19 ha mostrato le fragilità dell’attuale modello di sviluppo e ne ha accentuato le disuguaglianze. Se negli anni precedenti l’Italia e l’Europa sembravano avviate verso un sentiero di sviluppo sostenibile, la pandemia ha inflitto una battuta di arresto a questo processo, mettendo a nudo le debolezze sociali, economiche e ambientali delle nostre società. Alla “Pandemia e resilienza” è dedicato l’appuntamento che si svolgerà domani 7 aprile, dalle 10,30 alle 13leggi di più…

182712372 036f4e3a 78a3 44aa 931e dd2d4e3561ec

Pd, dall’Europa al Recovery ecco i temi dell’incontro tra Letta e Di Maio

E’ un calendario fitto di impegni quello del segretario del Pd. Da giorni impegnato in colloqui con i leader dei partiti, esponenti del governo, dei sindacati e dell’industria, oggi Enrico Letta ha incontrato il ministero degli Esteri Luigi Di Maio alla Farnesina. Il clima tra il dem e il 5 Stelle, fanno sapere dal Nazareno, è stato “buonissimo”. Ma quali sono stati gli argomenti della riunione? L’Europa, innanzitutto, ma anche il Recovery, il Pnnr – dicono dal Nazareno – il digitale, la sosteleggi di più…