Scuole superiori in Campania il Tar boccia ancora De Luca Riapertura il primo febbraio

Scuole superiori in Campania, il Tar boccia ancora De Luca: “Riapertura il primo febbraio”

Le scuole superiori della Campania devo riaprire il primo febbraio. Dopo elementari e medie, il Tar boccia la linea del governatore Vincenzo De Luca anche per quanto riguarda gli istituti secondari superiori e ordina alla Regione “di conformarsi a quanto prescritto” nel Dpcm. Campania, il Tar boccia De Luca: sì alle lezioni in presenza per elementari e medie
di Bianca de Fazio ,  Dario del Porto 20 Gennaio 2021 Lo decide il decreto depositato dalla presidente della quinta sezione Maria Abbleggi di più…

Lombardia in Consiglio regionale mozioni su Recovery Fund e didattica in scuole 5

Lombardia: in Consiglio regionale mozioni su Recovery Fund e didattica in scuole (5)

Condividi: 19 gennaio 2021 (Adnkronos) – Il consiglio regionale ha respinto con 34 voti contrari due mozioni presentate rispettivamente dal Partito Democratico (prima firmataria Paola Bocci) e dal M5S (primo firmatario Andrea Fiasconaro) con la quale si impegnavano presidente e giunta a pianificare un parziale rientro nelle classi degli studenti. Nei documenti si sollecitava tra le altre cose la necessità di procedere a più tamponi e ad avviare anche la programmazione dei vaccini anti-Covleggi di più…

Governo Fiammetta Borsellino Conte cita papa Se vuol onorare sua memoria apra scuole

Governo: Fiammetta Borsellino, ‘Conte cita papà? Se vuol onorare sua memoria apra scuole’

Condividi: 19 gennaio 2021 Palermo, 19 gen. (Adnkronos) – “Se il premier Conte vuole davvero fare un regalo a mio padre deve riaprire al più presto le scuole di ogni ordine e grado e tutte le università. E’ l’unico modo per onorare in questo momento la memoria di mio padre. Perché noi stiamo consegnando migliaia di ragazzi alla criminalità”. Lo ha detto all’Adnkronos Fiammetta Borsellino, figlia minore di Paolo Borsellino, commentando le parole del premier Giuseppe Conte che poco fa, duleggi di più…

Riapertura scuole il Cts convoca una riunione urgente

Riapertura scuole, il Cts convoca una riunione urgente

Gli esperti del Comitato tecnico scientifico del governo si vedranno a breve per una riunione urgente sulla scuola. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato i tecnici per avere un parere sul ritorno in classe degli studenti delle scuole superiori (al 50%) e su un eventuale rinvio della didattica in presenza. Scuola superiore in presenza dal 50 al 75 per cento dal 18 gennaio. Il Friuli Venezia Giulia contro: “Qui non si apre”
di Ilaria Venturi 15 Gennaio 2021 Gli esperti da gileggi di più…

Violati i diritti dei minori riaprite le scuole in presenza

“Violati i diritti dei minori, riaprite le scuole in presenza”

Adolescenti ancora invisibili nei provvedimenti emanati al rientro dopo la pausa natalizia: tra i banchi l’11 gennaio sono tornati, al 50% delle presenze, solo gli studenti delle superiori di Toscana, Valle D’Aosta e Abruzzo. E mentre il Tar della Lombardia ha respinto l’ordinanza del governatore Fontana che disponeva le lezioni a distanza sino al 25 gennaio e in Emilia-Romagna, dove il provvedimento è stato analogo, un gruppo di genitori ha appena presentato un ricorso, si moltiplicano gli aleggi di più…

Scuole superiori in Lombardia il Tar accoglie il ricorso contro la Regione per la didattica a distanza sospesa lordinanza

Scuole superiori in Lombardia, il Tar accoglie il ricorso contro la Regione per la didattica a distanza: sospesa l’ordinanza

“Il Tar accoglie la nostra richiesta, respinge l’ordinanza, le scuole possono riaprire”: così un portavoce del comitato ‘A scuola!’ annuncia che il Tar lombardo ha accolto il loro ricorso contro l’Ordinanza lombarda dell’8 gennaio che aveva disposto la Dad al 100% per tutte le scuole secondarie fino al 25 gennaio. “Le scuole possono riaprire, ovviamente non già domani perché è troppo tardi – spiega il portavoce del comitato – per organizzarsi”. Milano, l’occupazione simbolica dello storico leggi di più…

Classi chiuse lettere a Repubblica dalle scuole

Classi chiuse, lettere a Repubblica dalle scuole

Lunedì 8, al primo giorno di “scuola-non scuola” del 2021, hanno realizzato un inedito sciopero dei pc spenti. Da tantissimi istituti arrivano lettere dei rappresentanti degli studenti alla ministra Azzolina. Ma migliaia sono le testimonianze che spontaneamente vengono inviate ai mezzi di informazione oltre a invadere il web. C’è una intera generazione che sente il bisogno e il dovere di spiegare al mondo adulto – del quale fa parte innanzitutto quello delle istituzioni – cosa sta vileggi di più…

Alta velocita banda larga scuole ecco come cambia il Recovery Fund

Altà velocità, banda larga, scuole: ecco come cambia il Recovery Fund

ROMA – Recovery plan ad un passo dal traguardo: gli ultimi ritocchi potenziano le risorse per alta velocità, banda larga, cablaggio delle scuole e case di comunità. Nella tarda serata di oggi il ministro dell’Economia Gualtieri ha spedito a Palazzo Chigi le 171 pagine del piano italiano per accedere ai finanziamenti europei anti-pandemia e per la ripartenza previsti dal Next Generation Eu. Domani, martedì 12, il documento passerà all’approvazione del Consiglio dei ministri e dunque sarleggi di più…

Scuole proteste contro i rinvii. Azzolina Dad non funziona piu

Scuole, proteste contro i rinvii. Azzolina: Dad non funziona più

11 gennaio 2021
Condividi: Roma, 11 gen. (askanews) – In attesa di un nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio, in cui si valuteranno nuove restrizioni contro il coronavirus, come ha anticipato il ministro della Salute Roberto Speranza, uno dei nodi principali resta la scuola.
Superiori riaperte oggi solo in Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta, quando sarebbero dovute riaprire al 50% in tutte le Regioni, in Trentino-Alto Adige sono ripartite già il 7 gennaio. Parte la mobilitazione contro la didatticleggi di più…

La Toscana e pronta a far suonare di nuovo la campanella nelle scuole

La Toscana è pronta a far suonare di nuovo la campanella nelle scuole

Il momento tanto atteso, per i 168 mila studenti che frequentano le superiori in Toscana e che, da mesi, aspettano solo di rivedere insegnanti e compagni di classe, è arrivato. Lunedì 11 gennaio, salvo colpi di scena dell’ultimo minuto da parte del governo, i ragazzi potranno finalmente tornare a scuola, seppur con turni che prevedono una presenza negli istituti al 50%. La regione è infatti una delle poche, insieme ad Abruzzo e Val d’Aosta, a esser pronta a far suonare di nuovo la campanella:leggi di più…