Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

silenzi

Certe volte, in politica, i silenzi sono più significativi delle parole. Aiutano a capire le strategie, ad approfondire i programmi, a farsi un’idea di come i candidati governeranno in caso di vittoria. Questi sono alcuni dei silenzi, i più clamorosi, delle presidenziali Usa 2012.

Minaccia o violenza a corpo politico dello Stato. È l’accusa dei pm di Palermo che, nell’inchiesta sulla trattativa, ieri hanno chiesto il rinvio a giudizio per sei uomini dello Stato e altrettanti di Cosa nostra. Silenzio della politica e dell’“ermo Colle”, ha osservato Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano di oggi.

Eppure, la trattativa, assieme di tre momenti, tre passaggi correlati, funzionali, organici, dell’alleanza mortale fra Stato e mafia, è stata negata a oltranza da onorevoli, giornalisti e voci onnipresenti.

Per anni, abbiamo sentito il coro d’una falsa destra sui “giudici comunisti” e, a compendio, le sortite pseudogarantiste d’una finta sinistra, che dall’altra sponda ha delegittimato l’azione penale, obbligatoria, rivolta a suoi membri. Si ricordi, per tutte, la vicenda dei “furbetti del quartierino”, con intercettazioni, fra gli altri, nei confronti di Massimo D’AlemaPiero Fassino e Nicola Latorre.

Archivi