0dddb7b37a3c679f962e13da987ea4f5 1

Sostegni bis

Il dl Sostegni bis potrebbe arrivare “dopodomani”, venerdì, con “in campo uno slittamento fino al 30 giugno” delle cartelle, “un’esenzione Imu e Tosap da definire, probabilmente ci sarà uno stanziamento di 600 milioni per la Tari e una moratoria sui prestiti in conto capitale anche con un passaggio delle garanzie da 6 anni a 10 anni”. Lo ha detto Gilberto Pichetto Fratin, viceministro allo Sviluppo Economico a 24 Mattino su Radio 24. “Sono tutti elementi che dovrebbero essere nel decreto di doleggi di più…

093332012 2f66890b cd98 46d9 84d7 35c08f240767

Sostegni Bis entro giovedì, Semplificazioni entro il 20: i due decreti nell’agenda del governo

ROMA – Giovedì il decreto Sostegni bis in Consiglio dei ministri, entro il 20 maggio il decreto Semplicazioni: sono queste le due tappe principali dell’agenda del governo per le prossime due settimane. Scostamento da 40 miliardi per il secondo provvedimento di aiuti alle famiglie e alle imprese varato dal governo Draghi: i parametri per ottenere i contributi a fondo perduto saranno anche questa volta un calo medio mensile di fatturato o corrispettivi pari almeno al 30 per cento subito nel 2020leggi di più…

140504622 aeb46755 0ac2 4218 94de 7417b15a36a2

Decreto Sostegni, il governo chiede la fiducia. Stop alla cessione dei crediti su investimenti e bonus mobili

MILANO – Il governo Draghi ha posto la fiducia sull’approvazione del decreto Sostegni, il primo intervento del nuovo esecutivo a favore delle imprese e famiglie che hanno subito un colpo dalla pandemia del Covid. Il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, ha posto a nome del governo la questione di fiducia sul maxi-emendamento interamente sostitutivo del testo, che – ha spiegato il ministro – recepisce le modifiche approvate durante l’esame delle commissioni Bilancio e Finanleggi di più…

6ee40371b22f6dccc82e23d37aca721d

Dl Sostegni, salta ‘superbonus’ aziende. M5s, valutiamo fiducia

(ANSA) – ROMA, 06 MAG – La Ragioneria generale dello Stato boccia la norma inserita dal Parlamento del dl Sostegni per “la cedibilità del credito di imposta nell’acquisto dei beni strumentali relativamente al Piano Transizione 4.0”, il cosiddetto superbonus per le aziende, mandando su tutte e furie il Movimento 5 Stelle. “E’ una decisione incomprensibile e immotivata. Cominceranno delle interlocuzioni con la Ragioneria e parallelamente un processo di seria riflessione su quello che sarà il votleggi di più…

205e8cab65ffd0c05d2e6fe78a235b02

Dl sostegni, via l’Imu con cali del 30%,più tempo voucher viaggi

(ANSA) – ROMA, 04 MAG – Più tempo per utilizzare i voucher per viaggi e concerti saltati causa Covid, via la prima rata Imu per le imprese con cali di fatturato del 30% e azzeramento del canone Rai per alberghi, bar e ristoranti, che potranno anche mettere i tavolini all’aperto senza pagare la tassa sull’occupazione del suolo pubblico fino alla fine dell’anno.    Sono alcune delle novità del decreto Sostegni, dopo che le commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno chiuso in una maratonaleggi di più…

110021276 10a8d922 61cb 4a27 9164 4659814c117e

Decreto sostegni, stop a prima rata Imu per le imprese con fatturato in calo del 30%. Fondo per separati in difficoltà con il mantenimento

MILANO –  Mentre proseguono le limature sul decreto sostegni bis, conclude l’esame in commissioni Bilancio e Finanze il primo decreto sostegni, atteso in aula domani. Tra gli ultimi emendamenti approvati entrano alcune misure inseriti anche nella bozza del provvedimento non ancora varato. A partire dall’esenzione al pagamento della prima rata Imu per le imprese che lo scorso anno hanno subito perfdire. La misura approvata prevede per chi ha cali di fatturato del 30% rispetto al 2019 l’esonero leggi di più…

275d6d0871ac60343cc884856a0cc227

Sostegni bis, da Tari a rinvio plastic tax. Altri 2 mesi di Rem

(ANSA) – ROMA, 03 MAG – Rinvio della plastic tax a gennaio 2022 e un fondo da 600 milioni per consentire ai Comuni di ridurre la Tari alle attività economiche interessate dalle chiusure anti-Covid. Sono alcune delle misure contenute nella bozza del decreto Sostegni bis che dovrebbe arrivare in settimana sul tavolo del Consiglio dei ministri. Nel testo ci sono le norme per le imprese, dai 14 miliardi per i contributi a fondo perduto sempre basati sul fatturato ma con la possibilità di applicareleggi di più…

cf6d971270373038f846c1dc4ef3f707

Sostegni bis: bozza, 48 articoli, da Tari a rinvio plastic tax

Rinvio della plastic tax a gennaio 2022 e un fondo da 600 milioni per consentire ai Comuni di ridurre la Tari alle attività economiche interessate dalle chiusure anti-Covid. Sono alcune delle misure contenute nella bozza del decreto che dovrebbe arrivare in settimana sul tavolo del Consiglio dei ministri. Nella bozza, che l’ANSA è in grado di anticipare, il provvedimento è definito ‘Sostegni bis’ e ci sono le norme per le imprese, dai contributi a fondo perduto al pacchetto per i sostegni allleggi di più…

135317730 d1deaeba 8ca9 4d67 9f0a 261c2fd405fc

Sostegni Bis, per le imprese contributo pari a quanto già incassato ma via a nuovo canale. Stop al canone Rai per bar e ristoranti nel 2021

MILANO – Nuove risorse in arrivo per le imprese. Nella bozza del decreto Sostegni Bis il governo prevede di erogare alle aziende che hanno già presentato e ottenuto i contributi a fondo perduto introdotti con il decreto sostegni la stessa somma già incassata, senza la necessità di inoltrare una nuova istanza, ricalcando quindi lo schema già previsto dall’esecutivo precedente con il decreto ristori.
Il canale alternativo per i ristori
Il nuovo decreto però introduce anche un’importante novitleggi di più…

175144606 dd4ab0b9 3afd 4f9f 99c9 a5b55f509745

Dl Sostegni, arriva il diritto alla malattia anche per i professionisti, ma solo se è Covid

ROMA –  Anche i professionisti si ammalano. E se non possono avere l’indennità di malattia come i lavoratori dipendenti, è giusto che abbiano almeno una moratoria generale di tutte le scadenze per evitare di pagare multe salatissime e di farle pagare anche ai propri clienti. È con questo spirito che è nato un disegno di legge promosso dagli ordini professionali e firmato da parlamentari di quasi tutte le formazioni politiche, poi però bloccato per problemi di copertura. Nel frattempo, perleggi di più…