Covid e terapie intensive a chi dare lultimo letto

Covid e terapie intensive: a chi dare l’ultimo letto?

La pandemia da Sars-CoV-2 ha determinato, in alcune circostanze, una drammatica disparità tra l’elevato numero di persone bisognose di cure e la scarsa disponibilità di risorse sanitarie adeguate, sollecitando riflessioni etiche e cliniche sui criteri di priorità da utilizzare qualora si verifichi l’impossibilità di garantire cure intensive a tutti. Lunedì scorso l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato il documento messo a punto dalla Siaarti (Società italiana di Anestesia Analleggi di più…

Vitamina D conferme da test e terapie intensive coronavirus conseguenze pesantissime

Vitamina D, conferme da test e terapie intensive: coronavirus, conseguenze pesantissime

Caterina Maniaci 21 gennaio 2021 Non solo vaccini. Ci sono superpoteri da schierare in campo neIla battaglia contro la pandemia. E non bisogna andarli a cercare chissà dove, esistono già e sono a portata di mano: sono i poteri della vitamina D. È stato verificato che può contribuire a far diminuire i trasferimenti in terapia intensiva e i decessi per pazienti colpiti da Covid. A queste conclusioni è arrivato infatti uno studio condotto e coordinato dall’Università di Padova con il suppoleggi di più…

I volontari degli ospedali Aprite le Terapie intensive ai parenti dei pazienti gravi

I volontari degli ospedali: “Aprite le Terapie intensive ai parenti dei pazienti gravi”

“Apriamo le Terapie intensive degli ospedali alle visite dei parenti. Non si può più pensare che i pazienti possano essere lasciati soli nei momenti di sofferenza, senza un volto caro vicino”, dice lanciando un appello Mirko Damasco, presidente della onlus Salvagente Italia, associazione nata con lo scopo di diffondere la cultura del primo soccorso in Italia. “Certamente in una prima fase della pandemia gli ospedali dovevano proteggersi, e proteggere gli esterni, escludendo le visite. Adesso nleggi di più…

Mascherine farmaci antivirali e terapie intensive pronto il piano pandemico 2021 2023. Se risorse sono scarse scegliere chi curare prima

Mascherine, farmaci antivirali e terapie intensive: pronto il piano pandemico 2021-2023. “Se risorse sono scarse scegliere chi curare prima”

Capacità di produrre velocemente mascherine e dispositivi di protezione individuale a livello nazionale sia per medici e infermieri che per i cittadini, possibilità di realizzare in tempi brevi nuovi posti letto in terapia intensiva, scorte nazionali di farmaci antivirali e formazione continua degli operatori sanitari. Sono i dei punti cruciali indicati nella bozza del nuovo Piano pandemico 2021-23, che trae lezione anche dall’esperienza della pandemia da SarCov2. La bozza, elaborata dal diparleggi di più…

Terapie per curare i gay al bando lappello di quasi 400 religiosi

Terapie per “curare” i gay al bando: l’appello di quasi 400 religiosi

LONDRA. Quasi 400 leader di tutte le fedi religiose sono scesi in campo per chiedere un divieto delle cosiddette “terapie per gay”, la controversa pratica di tentare di cambiare l’orientamento sessuale o l’identità di genere di una persona, spingendo un omosessuale o un transgender a diventare eterosessuale.
L’iniziativa, sotto forma di una dichiarazione firmata da alti rappresentanti del cristianesimo, dell’islam e dell’ebraismo, verrà presentata ufficialmente stamane a Londra aleggi di più…

Terapie avanzate il futuro e gia fra noi

Terapie avanzate, il futuro è già fra noi

Cambiamento di stato. Per decenni le abbiamo guardate attraverso i vetri dei laboratori, pensando che fossero oggetti di ricerca più che sistemi di cura, ma oggi le terapie geniche e cellulari sono una realtà. In una parola si definiscono “avanzate”, a indicare il fatto che siano innovative, e comprendono da una parte terapie per malattie molto rare e incurabili, di origine genetica, dall’altra terapie per malati gravi che non avrebbero altra possibilità di cura, come quelli affetti da leggi di più…