111922621 0f3fda6a daa3 4411 8818 f34d2ef6c10e

Pd, Letta e la bassa affluenza alle primarie a Torino: “Prime attività post Covid, è normale. Conte parla ai moderati? Noi a tutti”

Non è preoccupato, Enrico Letta, per il dato sull’affluenza alle primarie di ieri a Torino dove ai 39 gazebo sparsi in città si sono presentati in 12mila scegliendo come candidato sindaco per il centrosinistra Stefano Lo Russo. Numeri poco incoraggianti che però non spaventano il segretario del Pd: “Per un motivo molto semplice: queste sono le prime attività del post Covid, sono naturalmente con numeri più ridotti rispetto a prima. Tutte le iniziative che facciamo sono con numeri più ridotleggi di più…

170820379 6fb95a13 f97c 4c09 bec6 c6a27a588e7b

Torino: primarie del centrosinistra, i quattro candidati hanno già votato

 “Sembra banale dire che a Torino è Torino a scegliere il candidato sindaco, ma per me, oggi, mettere la scheda è stata un’emozione, l’emozione di aver ottenuto le primarie. Sono convinto che abbiamo fatto un bellissimo percorso sancito stamattina con un caffè e una spremuta tutti insieme. Ognuno ha detto le sue cose in queste settimane, ognuno con la sua storia e domani scegliamo il candidato del centrosinistra e il metodo qualifica una differenza”. È stato il primo, 10 mesi fa a chiedere leggi di più…

141206819 0317744e 77d6 4747 aa8c a4100a2de4e3

Innamorarsi di un mestiere e farci un film: “Le mani in pasta” e l’arte del cibo a Torino

Quando si parla del meglio che un territorio può offrire, si ricorre spesso al vocabolo “eccellenza”. Suona bene ed è chic, ma è anche un’etichetta un po’ accademica, che finisce per generalizzare e nascondere le vicende personali di chi ce l’ha fatta. Dal di fuori hanno le sembianze di inarrestabili marce da predestinati, in realtà si tratta spesso di tentativi, scommesse, aggiustamenti cammin facendo.
Alcune di queste storie dell’enogastronomia piemontese vengono ora raccolte nleggi di più…

184918919 268bb0b8 f504 4d19 ad8d 761f2e0b0e8e

Primarie a Torino, a Repubblica il confronto tra i quattro candidati: “Da lunedì, subito uniti contro il centrodestra”

Una sfida all’insegna del bon ton, pur con qualche puntura di spillo. I quattro candidati alle primarie del centrosinistra a Torino si sono sfidati in un confronto organizzato da Repubblica. Otto domande, con la possibilità di dare risposte in non più di 100 secondi, per capire quale città abbiano in mente il radicale Igor Boni, gli esponenti del Pd Enzo Lavolta e Stefano Lo Russo e il candidato civico Francesco Tresso. Sabato e domenica nel capoluogo piemontese si vota per scegliere chi guidleggi di più…

164318553 88188c13 feb7 4927 b0f3 a37f13ba532a

Centrodestra, c’è l’accordo su Roma: Michetti candidato sindaco, Matone vice. Per Torino ufficiale Damilano

L’accordo c’è: Enrico Michetti sarà il candidato sindaco del centrodestra a Roma. La decisione ufficiale è arrivata durante il vertice del centrodestra. Il magistrato Simonetta Matone è invece la candidata vicesindaco. Per Torino è arrivata l’ufficialità: il candidato è Paolo Damilano, come conferma Matteo Salvini: “Piena sintonia nel centrodestra che ha scelto Enrico Michetti candidato sindaco per Roma Capitale, in ticket con Simonetta Matone che sarà prosindaco. Paolo Damilano è il caleggi di più…

041838521 c182431a 8e80 484b abd5 3e0daeebfe5b

Primarie a Torino, oggi alle 14 il confronto tra i candidati in streaming sul sito di Repubblica

Rush finale per i quattro candidati alle primarie del centrosinistra. Oggi alle 14 il confronto fra il radicale Igor Boni, il vicepresidente del Consiglio comunale Enzo Lavolta, il capogruppo Pd a Palazzo Civico Stefano Lo Russo e l’ingegnere civico Francesco Tresso è nella redazione torinese di Repubblica. Il ritmo sarà veloce: cento secondi a ciascuno per rispondere alle nostre domande a pochi giorni dal voto alle urne. L’incontro è aperto a tutti i cittadini: chi è interessato a sapere quleggi di più…

775340 thumb full 720 okokokbuzzo

Torino, la denuncia di due studenti stranieri: “Scambiati per rapinatori e aggrediti dagli agenti”. Leggi l’articolo

“Siamo stati aggrediti da tre poliziotti in borghese”. E’ la denuncia di due studenti, lui, 31 anni, musicista del conservatorio di Torino, originario del Venezuela, in Italia da due anni come rifugiato politico, lei, 22 anni, studentessa cinese all’accademia delle Belle Arti. Nessuna aggressione – riferisce la polizia – ma un  controllo a cui i due hanno cercato di sottrarsi.  Una denuncia, intanto, è già partita dall’ospedale Mauriziano, dove i due studenti, dopo due ore di fermo, si sonoleggi di più…

164802473 a26bbf24 711f 4af5 88c7 b7790d63d96b

Torino, pugni e testate tra volontari delle ambulanze in mezzo ai pazienti del pronto soccorso: all’ospedale Mauriziano arrivano i carabinieri

La lite tra soccorritori nella “camera calda” del Pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano di Torino finisce a urla, pugni e testate. È successo martedì scorso, poco prima delle 23. Ad azzuffarsi sono stati i soccorritori di due equipaggi della Croce d’Oro e della Misericordia di Torino, due associazioni private di volontariato: sarebbero riemerse vecchie ruggini personali tra i protagonisti della lite, tanto che sono intervenuti i carabinieri e uno degli autisti è finito anche lui, con il naleggi di più…

124544444 9ed1d1b8 4684 446c 80ff f74dcf02af94

Comunali: le primarie del centrosinistra un affare da uomini, dopo Roma anche a Torino niente donne

Certo non si può pensare di introdurre le quote rosa nelle primarie del centrosinistra, ma è clamoroso come, appena si entri in un campo in cui non esistono regole che obblighino i partiti ascegliere donne, le donne spariscano dalla scena politica. È successo anche per le comunali di Torino. Quattro uomini in gara per conquistare la candidatura a sindaco, neanche una donna. Ora dicono ci sia imbarazzo nel centrosinistra torinese, sono tutti dispiaciuti e pronti a riequilibrare, se verleggi di più…

143529510 2b01973f cf8e 42ef 93ed b913887b875b

Torino, la Procura apre un’inchiesta sul migrante suicida al Cpr dopo il pestaggio. L’avvocato: “Per lui nessun supporto psicologico”

La procura di Torino ha avviato una serie di accertamenti sul caso di Musa Balde, il giovane migrante originario del Gambia morto suicida a 23 anni nel Cpr di Torino. Il ragazzo, dopo avere subito una violentissima aggressione xenofoba a Ventimiglia da parte di tre italiani ora denunciati a piede libero, era stato rinchiuso nella struttura di corso Brunelleschi perché non risultava in regola con i documenti e risultava già espulso.  “A quanto mi risulta su Musa non è stato attivato nessun soleggi di più…