Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Unicredit

La Procura di Francoforte punta con decisione verso Berna, convinta che le banche elvetiche abbiano sistematicamente aiutato gli istituti di altre nazionalità a frodare gli Stati di appartenenza.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Evasione Unicredit ma non solo, la Germania affila le armi contro la Svizzera

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Una valanga tedesca incombe sulla Svizzera. L’inchiesta della Procura di Francoforte sulle presunte evasioni fiscali degli istituti di credito locali partita dalle operazioni sospette effettuate tra il 2006 e il 2008 dalla controllata tedesca di Unicredit, Hypovereinsbank, ha infatti innescato una tempesta che rischia di investire molte banche europee e di rendere ancora più complicati i rapporti fra la Svizzera e i Paesi dell’Unione Europea: gli inquirenti puntano ora con decisione verso Berna, convinti che le banche elvetiche abbiano sistematicamente aiutato gli istituti di altre nazionalità a frodare gli Stati di appartenenza.

Sospetta evasione da 124 milioni di euro della controllata tedesca HVB: otto gli indagati, tra cui alcuni dirigenti. Nella lente degli inquirenti la presunta applicazione del modello “dividend stripping”, che avrebbe assicurato il 65% dei profitti dell’investitore alla banca.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Evasione: Unicredit nei guai con l'erario tedesco

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’arrivo sulla scena degli sceriffi del fisco tedesco, che ha di fatto raddoppiato, portandole anche oltre confine, le inchieste per evasione fiscale a carico della gestione di Unicredit da parte di Alessandro Profumo, arriva in un momento piuttosto delicato per il banchiere genovese. E non solo perché proprio nei giorni scorsi si è aperto il processo per il caso Brontos, quello per cui Unicredit la scorsa estate ha raggiunto un accordo transattivo da 246 milioni di euro. La vicenda, infatti, è venuta alla luce proprio mentre il ministro del Tesoro, Vittorio Grilli e il premier Mario Monti, a Bruxelles stanno trattando sul filo del tempo per avere entro fine anno il via libera agli aiuti di Stato da dare al Monte Paschi di Siena, banca sull’orlo del collasso di cui Profumo è diventato presidente la scorsa primavera. 

Gli uffici della banca tedesca HypoVereinsbank (Hvb), filiale di UniCredit, sono stati perquisiti ieri “per sospetta evasione fiscale”. A condurre l’inchiesta è la Procura di Francoforte che ha precisato ad Afp che si è trattato di “un intervento a livello nazionale” che ha interessato 13 sedi del gruppo bancario, il cui quartiere generale è a Monaco di Baviera. I sospetti si concentrerebbero sulle transazioni in titoli azionari avvenute durante il periodo 2006-2008, con date vicino il pagamento dei dividendi agli azionisti. In particolare la Guardia di Finanza tedesca indaga sul mancato pagamento di crediti di imposta sui redditi da capitale per un valore, secondo quanto anticipato ieri sera dal quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, di circa 124 milioni.

Banche indagate, insieme a Barclays, Banca per la Casa, Credito bergamasco: prestiti offerti a esponenti della cosca Valle per 4 milioni e mezzo. Ora confiscati con una sentenza.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Unicredit e Bnl: erogati mutui ai boss senza alcuna garanzia

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

“Unicredit Scare”: così scrive Bloomberg. La banca d’affari americana sta disertando le varie offerte lanciate dall’istituto di Piazza Cordusio, oltre a quelle di altri istituti sudeuropei.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Goldman Sachs e la paura di Unicredit

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’istituto di Piazza Cordusio e uno dei suoi funzionari piu’ alti rinviati a giudizio: reato di truffa aggravata nei confronti del comune di Acqui Terme per sei derivati venduti tra il 2004 e il 2006. Il processo a luglio 2013.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Unicredit a giudizio per truffa sui derivati

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Roma, 22 nov. – (Adnkronos) – La grid parity, cioè la pari convenienza economica tra l’energia prodotta da un impianto fotovoltaico e quella acquistata dalla rete e prodotta da combustibili fossili, oggi diventa realtà: Officinae Verdi Spa, Joint Venture tra Unicredit, Wwf e un partner industriale Solon, è in grado di realizzare il primo sistema fotovoltaico rivolto alle imprese, economicamente sostenibile anche senza il contributo degli incentivi pubblici. I sistemi fotovoltaici Officinae Verdi, che vengono tarati sui fabbisogni energetici dell’impresa a valle di un vero e proprio audit energetico, consentono una produzione dell’energia ad un costo inferiore agli 0,09 euro/kwh, inclusi gli oneri annuali di manutenzione e il costo iniziale dell’impianto, riducendo del 50% i costi mediamente sostenuti dalle Pmi italiane.

Ciò è reso possibile da una capacità produttiva superiore del 10% alla media di mercato e da una specifica modalità costruttiva che consente di ridurre del 20% i tempi e dunque i costi di installazione. Cavi, quadri, inverter, pannelli, schemi elettrici perseguono l’obbiettivo della massima produzione, con un tasso di efficienza superiore all’86%. Le famiglie arriveranno alla grid parity contestualmente all’inserimento nei sistemi fotovoltaici di soluzioni di accumulo che Officinae Verdi sarà in grado di commercializzare dall’inizio dell’anno prossimo.

La prospettiva di mercato dell’energia rinnovabile, spiega il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, “è sicuramente destinata all’autosufficienza economica. Il lavoro svolto da Officinae Verdi per la realizzazione di un prodotto in grid parity dimostra la possibilità di un’accelerazione in questa direzione e dimostra come nei fatti esiste un mercato che possa rispondere positivamente alla sfida dei cambiamenti climatici mettendo i privati, siano essi individui o aziende, nelle condizioni di rispondere alle proprie esigenze energetiche diminuendo le emissioni climalteranti”.

La sfida del nostro paese, sottolinea il ministro, “deve essere dunque strettamente legata all’innovazione che in questo settore non può essere solo tecnologica ma anche finanziaria, per meglio rispondere a richieste sempre maggiori che vengono dai comparti produttivi”.

La grid parity, sottolinea Gaetano Benedetto, direttore politiche ambientali Wwf e presidente Officinae Verdi, “sarà una grande opportunità per tutti, perché cittadini e imprese potranno diventare autoproduttori di energia pulita, massimizzando benefici economici e ambientali, riducendo il consumo di energia primaria. La grid parity ottenuta dal prodotto di Officinae Verdi risponde pienamente agli indirizzi comunitari che sono stati anche recentemente rafforzati da una nuova direttiva sull’efficienza energetica, che vede proprio nelle imprese un settore primario su cui operare”.

Come Unicredit, spiega Paolo Fiorentino vicedirettore generale UniCredit, “crediamo molto nella green economy come percorso di sviluppo sano e sostenibile per le imprese, per questo insieme a Wwf abbiamo avviato dal 2008 un programma di sostenibilità ambientale, con un primo impegno di riduzione della Co2 del 30% al 2020. Come banca leader a livello europeo riteniamo che il nostro ruolo nella green economy si realizzi non solo attraverso la finanza a supporto delle fonti rinnovabili (ammontano ad oltre 8miliardi di euro nel 2011 gli investimenti finanziati dal Gruppo sulle rinnovabili), ma agendo a favore dello sviluppo di nuovi modelli di impresa come quello oggi proposto con Officinae Verdi”.

Nei primi nove mesi profitti di 1,4 miliardi di euro, rispetto a 847 milioni nei primi nove mesi del 2011 al netto degli elementi straordinari. Ricavi per 19,5 miliardi. Titolo accelera in borsa con +3%.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Unicredit: utili in rialzo. Accantonamenti +13,2%

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Archivi