Williams: Russell-Perez e la “benzina sul fuoco”

“Non sarei qui senza PowerPoint”. “Mi aiuti a creare una presentazione”? Quello che poteva sembrare uno scambio innocente di battute su Instagram tra George Russell e Sergio Perez potrebbe clamorosamente rivelarsi un incredibile scherzo del destino nei confronti del pilota in orbita Mercedes. Russell è senza dubbio uno dei piloti più talentuosi della griglia di partenza, ma aver avuto a disposizione nel 2019 e nel 2020 una Williams non ha permetto al classe 1998 di mettere in mostra tuleggi di più…

Williams non si ferma: aggiornamenti a Portimao

Rispetto al 2019 al Williams è riuscita ad avvicinarsi in maniera decisamente più significativa al resto dei team della parte bassa della classifica, in particolare ai due motorizzati Ferrari, Alfa Romeo ed Haas. Nonostante ci sia arrivata vicina più volte nel corso del campionato, in particolare con George Russell, il team di Grove non è però ancora riuscito a portare a casa alcun punto iridato in questa stagione. L’ultimo piazzamento in top-10 guadagnato dal team inglese risale ancora aleggi di più…

Williams, Roberts vuole rimanere team principal

Era stato nominato team principal della Williams ad interim dopo una decisione in comune presa tra gli uscenti membri della famiglia e i nuovi proprietari di Dorilton Capital. Ma ora Simon Roberts vorrebbe mantenere il suo ruolo e portarlo a tempo pieno, evidentemente per continuare un percorso e una sua particolare ‘visione’ dello storico team. Il Mugello è stata la prima gara di Roberts nella sua posizione temporanea. Non ci sono stati, come previsto, scossoni sull’organizzazione dellaleggi di più…

Pagelle di metà stagione 2020: Williams

C’è solo una voce negativa per la Williams in questo 2020, quella più importante. Il team inglese ha zero punti in classifica così come di conseguenza anche i piloti George Russell e Nicholas Latifi. Rispetto al 2019, però, la situazione è cambiata radicalmente e non soltanto perché ora a capo della scuderia c’è il gruppo Dorilton Capital e non più la gloriosa famiglia capitanata da Sir Frank. La FW43 rappresenta un sensibile passo avanti rispetto alla sorella che nel 2019 occupava pleggi di più…

Pagelle di metà stagione 2020: Williams

C’è solo una voce negativa per la Williams in questo 2020, quella più importante. Il team inglese ha zero punti in classifica così come di conseguenza anche i piloti George Russell e Nicholas Latifi. Rispetto al 2019, però, la situazione è cambiata radicalmente e non soltanto perché ora a capo della scuderia c’è il gruppo Dorilton Capital e non più la gloriosa famiglia capitanata da Sir Frank. La FW43 rappresenta un sensibile passo avanti rispetto alla sorella che nel 2019 occupava pleggi di più…

A Sochi la solita Williams

La Williams ha chiuso l’ordine di arrivo anche nel Gran Premio di Russia. La scuderia di Grove non è ancora riuscita a superare i problemi relativi al passo-gara e nemmeno a Sochi ha capitalizzato un ottimo sabato almeno per quanto riguardava George Russell. Perché il talento di scuola Mercedes partiva dalla 13esima casella (solo in Stiria e in Ungheria aveva una posizione migliore). Il britannico, per problemi alla vettura e anche qualche errore di troppo alla guida, è invece scivolato al leggi di più…

Williams, botto Latifi

È stato Nichoals Latifi il protagonista della giornata di venerdì in Russia sul circuito di Sochi. Il pilota canadese infatti durante la sessione del mattino di prove libere ha distrutto la sua vettura contro le barriere di protezione, costringendo i suoi meccanici ad un extra lavoro per rimetterla in sesto. Al pomeriggio invece il rookie si è riscattato, chiudendo le PL2 in 15esima piazza, subito davanti al compagno di squadra George Russell. Nicholas Latifi: “Ho superato il limite nelleleggi di più…

Williams: “Pandemia colpo di grazia per la famiglia”

Claire Williams è ora una donna che può ricostruirsi una vita lontana dalla Formula 1, quell’impegno familiare che l’aveva coinvolta 24 ore su 24 alla caccia di un posto migliore nello schieramento. Fosse stato per lei, non ci fosse stato il buco finanziario, mai avrebbe pensato di vendere la scuderia a Dorilton Capital, né a chiunque altro avesse bussato alla porta di Grove. Oggi la Williams è un’entità che opera oltre il retaggio familiare, come la McLaren. Eppure a inizio anno tutleggi di più…

Claire Williams: “La pandemia è stata il colpo finale per la famiglia”

Claire Williams è ora una donna che può ricostruirsi una vita lontana dalla Formula 1, quell’impegno familiare che l’aveva coinvolta 24 ore su 24 alla caccia di un posto migliore nello schieramento. Fosse stato per lei, non ci fosse stato il buco finanziario, mai avrebbe pensato di vendere la scuderia a Dorilton Capital, né a chiunque altro avesse bussato alla porta di Grove. Oggi la Williams è un’entità che opera oltre il retaggio familiare, come la McLaren. Eppure a inizio anno tutleggi di più…

Williams: Dorilton Capital non ha la bacchetta magica

Prima dell’incidente di Lance Stroll la classifica costruttori stava per cambiare radicalmente per quanto riguarda la lotta in fondo alla graduatoria riservata ai team. George Russell aveva ormai garantita la nona posizione al traguardo, un risultato che avrebbe permesso alla Williams di scavalcare la Haas ed affiancare l’Alfa Romeo Racing. La seconda ripartenza, però, ha affossato le speranze di George Russell, costretto ad accontentarsi dell’undicesima posizione. Una piccola consolazionleggi di più…