Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Senza categoria

“Ci sono due cose che posso assicurare fin da adesso: che non si toccano i diritti essenziali dei cittadini e che non si sfora il 3%“. A dirlo è il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, impegnato in un viaggio in Cina. “Tria? Con il ministro all’Economia non c’è nessuno scontro, ha la nostra piena fiducia” ha aggiunto il ministro del Lavoro e allo Sviluppo economico.

L’articolo Manovra, Di Maio: “Non mandiamo fuori giri i conti dello Stato. Il tetto al decifit del 3% non lo sforeremo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

“Quale presente e quale futuro ci possono essere se oltre 700mila giovani hanno lasciato Napoli e il Sud?”. Lo ha chiesto il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, nella sua omelia in occasione della festività di San Gennaro nel Duomo. “Siamo allo spopolamento – ha aggiunto il cardinale Sepe – alla desertificazione umana delle nostre comunità, dei nostri borghi. Siamo all’invecchiamento che non è soltanto anagrafico perché è invecchiamento della società, è mancanza di prospettive e di sviluppo. Non si può non riconoscere che è una sconfitta per tutti quando un giovane è costretto a voltare le spalle alla propria terra per cercare pane e fortuna altrove”. Secondo l’arcivescovo di Napoli, “di fronte a questo dramma umano e sociale, a nessuno è lecito tenere gli occhi chiusi: tutti abbiamo il dovere di rimboccarci le maniche e mettere in atto iniziative concrete che contrastino questo fenomeno devastante. E in realtà non mancano positive esperienze in questo campo. Ma dobbiamo fare di più e meglio”.

Scambi culturali, promozione del patrimonio e cooperazione per lo sviluppo della rete museale: sono i punti dell’accordo di cooperazione, siglato a Chengdu, tra il Parco Archeologico dei Campi Flegrei di Napoli e l’amministrazione dei Beni Culturali del Sichuan, Repubblica Popolare Cinese. Il direttore del Parco, Paolo Giulierini, ha inserito l’area archeologica flegrea nel ventaglio di offerte internazionali durante la sua missione in Cina, ottenendo la firma del Dipartimento per la Cultura della Provincia del Sichuan per un protocollo d’intesa tra Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Mann e Museo della Sichuan University (Prc) per la creazione di mostre, scambio di esperti e ricerche volte ad applicare metodologie innovative e sperimentali.
“Il protocollo di Chengdu dimostra l’evoluzione in chiave di politica internazionale della strategia culturale del Mibac, del Mann e del neonato Parco Archeologico dei Campi Flegrei – spiega Paolo Giulierini – consentendo il reciproco arricchimento tra i due Paesi che hanno espresso nel passato gli imperi piu’ solidi e conquiste culturali di portata universale e oggi hanno la volonta’ di mettere a confronto in forma strutturata le esperienze più avanzate in chiave di tutela, gestione e valorizzazione di Musei e Parchi Archeologici di Oriente e Occidente”.
Uno scambio che tende a rafforzare la comunicazione su tecniche, metodi ed esperienze nel campo della conservazione dei Beni culturali e dei siti archeologici, per lavorare a progetti per la fusione di tradizione e modernità, attraverso le best practice e le tecnologie italiane per la tutela e la valorizzazione per esibire antichi ritrovamenti urbani nelle citta’ moderne, in un dialogo temporale continuo. Una cooperazione che avra’ come anello di congiunzione, tra i Campi Flegrei e il Sichuan, il Mann – Museo archeologico nazionale di Napoli, nell’ambito delle attività di cooperazione promosse dal “Forum culturale Italia-Cina”, una dinamica piattaforma di dialogo istituita sotto l’egida dei governi della Repubblica Italiana e della Repubblica Popolare Cinese, il cui scopo e’ facilitare collaborazioni tra istituzioni omologhe dei due Paesi promosse dal Western China International Fair. Nel 2018 anno del turismo Europa-Cina, il Mica ha stilato l’accordo di cooperazione Italia-Cina. In agosto il Ministero dello Sviluppo economico ha dato vita alla Task Force Cina, con una Cabina di Regia presieduta da Mise e Maeci, in concerto con Mef, Miur, Mit, Mipaaft, Ministero degli Interni e Mibac che ha tra i suoi obiettivi promuovere l’export italiano in Cina e il turismo cinese in Italia per capitalizzare e far leva sulla forza del brand “Made in Italy”.

“Il nostro mondo ha bisogno di una rivoluzione di amore! Che questa rivoluzione inizi da voi e dalle vostre famiglie! Stiamo perdendo la nostra capacità di amare” “Il vero amore è appassionato”. “L’amore vero è la vera libertà”. “Oggi abbiamo bisogno di uomini di amore”. Quale “capacità di amare”? Oggi non la si può “perdere” perché i ragazzi non sanno niente dell’amore, per questo si deve imparare ad amare. In teoria è facile dire che l’amore è passione, che l’amore è dare, che amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere, ma in pratica c’è subito qualcuno che vuole approfittare di te. Fare felice chi si ama non significa assecondare o esaudire sempre i desideri dell’altro, se sono comportamenti e azioni che sono contro le proprie convinzioni e principi, in questi casi si deve dire di no, se siete amati veramente, sarete capiti e il no sarà accettato senza problemi dal partner. L’Amore deve essere sempre reciproco e disinteressato. Il rispetto è fondamentale in amore.

Andare “oltre la cronaca che appare una continua condanna per Napoli”, senza “chiudere gli occhi”. E’ un passaggio dell’omelia per la solennità di San Gennaro, patrono della città, del cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli. La cronaca parla di “cifre agghiaccianti prodotte da una violenza che coinvolge non pochi giovani e giovanissimi e in alcuni casi, come una terribile bestemmia davanti a Dio, addirittura i bambini”. “Non si vuole certo chiudere gli occhi davanti a questo sfregio di vite umane – aggiunge – quelle che cadono vittime, ma anche le altre, quelle dei carnefici che nondimeno bruciano le loro vite al fuoco della violenza, perchè è la loro umanità ad andare in cenere e a diventare polvere”.

I senatori del Partito democratico hanno occupato l’aula della Commissione Affari costituzionali del Senato, dove si stava svolgendo la discussione sul decreto Milleproroghe. Il motivo? “Governo e maggioranza hanno deciso di troncare la discussione mandando il su provvedimento in aula senza relatore”, hanno spiegato dal gruppo dem. Per poi denunciare: “Ci vogliono impedire di fare opposizione, è inaccettabile”, ha aggiunto il capogruppo Andrea Marcucci. “Dicevamo che non avremmo fatto opposizione con i metodi usati dal M5s con i governi Renzi e Gentiloni? Loro urlavano senza costrutto, noi prendiamo atto dei loro atteggiamenti violenti. Siamo obbligati a denunciarlo con molta forza. Abbiamo occupato quando ci hanno impedito di continuare a confrontarci in commissione”, ha concluso Marcucci.

Disegnatori di modelli orafi o cartamodelli, sartorie artigianali, laboratori che producono materiali e tessuti in fibre tecniche, stilisti, ricamatori di alta moda, produttori di borse di lusso o abbigliamento sportivo, progettisti di costumi, assemblatori di cinture in pelle e realizzatori di caschi customizzati: sono oltre mille le imprese di giovani nate nei settori del manifatturiero moda e del design nei primi sei mesi del 2018 in Italia, secondo i dati elaborati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su fonte registro imprese. Pesano circa il 27%, oltre un quarto, di tutte le imprese nate nel comparto nello stesso periodo. Si tratta soprattutto di imprese del settore abbigliamento, 434, poi del design, 423, ma ci sono anche 143 imprese specializzate in articoli in pelle e 71 in tessile. Le giovani imprese della moda hanno aperto soprattutto a Firenze, Milano e Prato, circa 70 imprese in ciascun territorio, poi a Napoli, Torino e Padova. In termini di peso sul totale delle imprese del settore iscritte nel 2018, è a Crotone, Vibo Valentia, Catanzaro, Rieti e Imperia che, invece, giovani incidono di più. Sono 162 le imprese di giovani specializzate nei settori della moda e iscritte nei primi sei mesi del 2018 in Lombardia su 612 in totale, il 27%. Milano è prima con 67 nuove imprese giovani, seguita da Bergamo e Brescia (circa 20), Mantova, Como e Monza Brianza. Per peso delle imprese giovani sul totale prime sono Sondrio e Lecco con quasi una nuova iscritta su due. Tra i settori prevale il design, circa la metà del totale (80 imprese su 162) seguito dalla produzione di abbigliamento (59 imprese iscritte).

“Non so se la grande spiritualità in Campania sia legata ai tanti problemi sociali che abbiamo, ma in ogni caso è anche una delle risorse su cui dobbiamo far leva, i percorsi della fede possono essere momento di raccoglimento ma anche opportunità per innescare un flusso di turismo religioso ed è quello che stiamo cercando di fare”. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, in occasione della celebrazione di San Gennaro, nel Duomo di Napoli. “Tra le tante cose belle in Campania – ricorda infatti De Luca – c’è anche la presenza di momenti religiosi e figure spirituali che hanno valore mondiale come San Gennaro, San Pio a Pietrelcina, la Madonna di Pompei, San Matteo, che ci regalano ricchezza interiore e spiritualità”.

Di Maio: «Facciamo un po’ di debito per abbassare le tasse» L’ira contro Tria

Il vicepremier in visita in Cina torna sulla manovra: «Non sforeremo il tetto del 3% ma attingeremo al deficit per migliorare la qualità della vita dei cittadini»

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Lieve malore per l’arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, durante la cerimonia per la solennità di San Gennaro. Probabilmente a causa del caldo, il cardinale è sbiancato in volto, anche se non ha voluto lasciare l’altare come invece gli hanno suggerito le persone che lo hanno soccorso. L’arcivescovo, però, non ha potuto portare l’ampolla con il sangue del santo all’esterno del Duomo partenopeo, come avviene ogni anno in occasione della liquefazione del sangue del santo. Poco dopo, però, si è mostrato in buone condizioni mentre lasciava la cattedrale per ritirarsi nella basilica di Santa Restituta.

Archivi