Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Senza categoria

Hollywood, le attrici raccontano gli abusi Matt Damon: «Harvey? Un genio» | foto

Dal caso Weinstein agli anni Sessanta, i registi e i produttori finiscono sotto accusa: le denunce arrivate nei giorni dello scandalo che ha travolto Hollywood, e chi ha raccontato in passato di aver subito approcci e molestie

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo





Può essere cool una campagna di rottamazione con incentivi? Ah, saperlo. Mercedes ci prova, chiamandola Eco Bonus, mettendo sul tavolo una fiche da 2400 euro per chi si compra una vettura della stella con i nuovi motori diesel Euro 6, oppure ibrida o elettrica. Se si punta su una Smart (che dal 2020 sarà in vendita solo elettrica), il beneficio economico per l’acquirente si dimezza a 1.200 euro.

Per raccontare nei dettagli l’iniziativa – che durerà fino al 31 dicembre – la Mercedes ha fatto provare ai giornalisti una serie di auto motorizzate con i nuovi motori diesel OM654 e OM 656, che rappresentano la sostanza della promozione, essendo ibride e soprattutto elettriche ancora di supernicchia, nella gamma della Casa di Stoccarda.

Torre Hadid, se non l’avete ancora  vista  ve la facciamo scoprire noi Il video|Le foto

di Valentina Baldisserri Il grattacielo «Storto» di Milano preso d’assalto domenica quando è stato aperto al pubblico per la giornata del Fai

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Ho pensato a lungo prima di scrivere questo post. Pur essendo una ribelle, andare contro il mainstream “le donne sono tutte vittime, gli uomini tutti porci” mi sembrava inutile. Questa visione manichea dell’umanità però è veramente intollerabile. Ci ho pensato e, sfidando l’idea che potrebbe essere un corpo a corpo con femministe e femministi, credo di aver il diritto di dire quanto sia vacua questa sequela di racconti con i due hashtag #metoo #quellavoltache. Questa campagna social è mortificante sotto tanti punti di vista: anche perché sono pochi gli uomini che rispondo con #Ihave.

Ricatto su Facebook, come ci sono cascato (senza pagare 1500 euro)

La solita richiesta di amicizia da una (finta) ragazza carina, la curiosità di una videochiamata osé. E poi l’inaspettato: un video fake e la minaccia di farlo girare in rete

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Suoneremo per l’ultima volta il 19 dicembre“. Parola di Elio che, dopo mesi di indiscrezione, mette la parola fine alla lunga avventura di Elio e le Storie Tese. Durante un’intervista a Le Iene, Elio ha spiegato che non si tratta della solita boutade, “anche se l’addio tira più della f***“. Il motivo di questa scelta? “Ci vuole intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, influencer, rapper. Queste sono le persone che oggi parlano ai giovani. Sto pensando a un progetto reggaeton – scherza – Schiacci un tasto e vai”. Un addio un piena regola, quindi. E da venerdì 20 ottobre sarà il radio il “Licantropo vegano”, l’ultimo singolo di Elio e le Storie Tese che, dicono, festeggeranno le fine della loro storia d’amore con la musica con “una cerimonia di alto livello”: “Vogliamo lasciare un bel ricordo, di persone ancora giovani e scattanti”. Appuntamento il 19 dicembre al Forum di Assago.

“Sono fiera di far parte di questa rivoluzione femminile perché da oggi le donne non devono più avere paura degli uomini”. È una Asia Argento scatenata quella che appare nell’intervista esclusiva concessa a Bianca Berlinguer per il suo CartaBianca su RaiTre. Di nuovo in primo piano lo scandalo Weinstein, pronunciato dalla storica direttrice del TG3 ‘Winstin’, e ancora una volta una carrellata sulle presunte molestie e violenze subite dalla 42enne attrice vent’anni prima. Maglione nero, capelli stirati e lunghi fin sul petto da dove emerge un tatuaggio a forma di antica corona, la Argento in collegamento da Berlino (“me ne sono andata dall’Italia perché ‘tirava’ un clima di tensione pesante, per me e per la mia famiglia”) ha ripercorso le tappe del suo personale calvario di sottomessa alle violenze dei potenti del mondo del cinema, diventato improvvisamente apripista di uno sfogo generale di centinaia di donne.

Ocse: è emergenza giovani in Italia Sono più poveri e non trovano lavoro

Nel Rapporto «Preventing Ageing Unequally» l’allarme giovani: in Italia sempre più poveri e senza lavoro. Stipendi delle donne 20% più bassi di quelli degli uomini

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Scontro serrato a Dimartedì (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e il deputato Pd, Ettore Rosato, sul Rosatellum Bis, che prende il nome proprio dal capogruppo dem alla Camera dei Deputati. Il parlamentare sciorina critiche al quotidiano, tacciato di vendere meno copie, e aggiunge: “Mai nella storia della Repubblica una legge elettorale a voto segreto ha avuto così tanti voti“. “Veramente il Fatto ha guadagnato copie” – replica Travaglio – “Siete voi che avete chiuso il vostro glorioso giornale, L’Unità, per mancanza di lettori. La bontà delle leggi si giudica dal numero di parlamentari che le hanno votate? Oggi Mattarella vi ha firmato il codice antimafia, dicendo che è scritto coi piedi. Scrivete le leggi coi piedi, poi ricattate il Parlamento con la fiducia. E venite anche a dire che sono leggi buone perché hanno avuto tanti voti? Ma per favore, giudichiamole nel merito. Alla gente interessa cosa c’è dentro una legge”. “Noi abbiamo fatto quello che un Parlamento deve fare” – afferma Rosato – “Abbiamo applaudito tutti, nel Parlamento, il richiamo del presidente Napolitano quando ha detto che andava fatta la legge elettorale. E abbiamo applaudito tutti, per lo stesso motivo, il presidente Mattarella. Tutti i partiti erano favorevoli a fare la legge elettorale, ma poi c’è chi si è sfilato in tutte le occasioni“. “A me non interessa cosa avete applaudito” – replica Travaglio – “Quando dovevate fare una legge elettorale al posto del Porcellum, che era incostituzionale, ne avete scritta un’altra coi piedi, altrettanto incostituzionale, che vi è stata bocciata dalla Consulta. Adesso dite che eravate costretti a farla in fretta e furia perché non avevate una legge elettorale. E invece è falso. Noi abbiamo una legge elettorale, perché non esiste il vuoto. Abbiamo il Consultellum, che è un proporzionale. Potevate adeguarlo tra Camera e Senato“. E aggiunge: “Avete invece deciso di truccare le regole elettorali a meno di 6 mesi dalle elezioni per fregare i partiti che non vi piacciono e favorire quelli che vi piacciono. In più, avete messo i due terzi dei nominati, sei multi-candidature pro capite e noi dovremmo ringraziarvi? Ma noi elettori siamo incazzati neri, perché per l’ennesima volta non potremo scegliere i nostri parlamentari”

Polemica al fulmicotone a Dimartedì (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti. La miccia della discussione è l’avviso di garanzia al sindaco di Torino, Chiara Appendino, indagata per falso in atto pubblico. Sallusti accusa Travaglio di aver minimizzato: “Hai detto un mucchio di sciocchezze, ma prendo atto che parli come un politico grillino senza contradditorio. Per te il reato di cui è accusata la Appendino è quisquilia e invece si tratta di falso in bilancio. Parliamo di roba seria. Poi, per difendere i grillini, dici che col Rosatellum bis non puoi scegliere il tuo candidato” – continua – “Ma secondo te i grillini possono scegliere il loro candidato? Vedi Genova, Milano, Sicilia. O è il candidato che piace a Grillo oppure, anche se vince le primarie, viene messo da parte. Ma di che cosa stiamo parlando?”. Travaglio risponde: “Non ho mai detto che si tratta di una quisquilia. Peraltro, il reato non è falso in bilancio, ma falso in atto pubblico. Quindi, la sciocchezza l’ha detta Sallusti”. “Va bene” – ribatte il direttore de Il Giornale – “Non giochiamo con le parole. Ha falsificato il bilancio, che è un atto pubblico”. “Non è un gioco di parole” – spiega Travaglio – “sono due reati diversi, due articoli differenti del codice penale. Il falso in bilancio è una specialità del tuo padrone. Quindi, lasciamo perdere, non ti conviene addentrarti in quella materia. Non vedo poi cosa c’entrino le primarie del M5S con la legge elettorale”. Il direttore del Fatto ribadisce le sue critiche al Rosatellum bis, difeso invece da Sallusti, che, piccato dall’accusa di servilismo nei confronti di Berlusconi, ribatte: “Il tuo padrone Grillo non lascia la possibilità di scegliere i candidati”. “Io non ho padroni”, replica Travaglio. “Neanche io”, assicura Sallusti. “Io ho fondato un giornale libero e indipendente” – continua Travaglio – “tu hai padroni. Hai un padrone pregiudicato“. Dopo qualche minuto, Sallusti ribadisce: “Travaglio espone bene le idee del suo padrone Grillo che leggiamo sul suo blog tutti i giorni”. Il direttore del Fatto scoppia a ridere e riafferma: “Io non ho padroni. Il mio è un giornale indipendente, ci paghiamo lo stipendio da soli“. “Anche noi”, replica Sallusti. “Io ho criticato anche il Tedeschellum del M5S” – prosegue Travaglio – “Cambia musica. Parla del tuo padrone pregiudicato”

Archivi