Covid Italia, il bollettino del 9 dicembre: 12.527 i nuovi contagi e 79 i decessi. Tasso di positività sale al 4%

Pubblicità
Pubblicità

Sono 12.527 i nuovi casi Covid nelle 24 ore in Italia, contro i 17.959 di ieri. Pesa l’effetto post-festivo, che ha ridotto drasticamente i tamponi che sono stati 312.828 ovvero 242mila in meno del giorno precedente, facendo salire il tasso di positività al 4% contro il 3,2% di ieri. I decessi sono 79 (ieri 86), per un totale di 134.551 vittime dall’inizio dell’epidemia.

E crescono anche i ricoveri: le terapie Intensive sono 20 in più (ieri +15) con 69 ingressi del giorno, e salgono a 811, mentre i ricoveri ordinari sono ben 234 in più (ieri +21), 6.333 in tutto.

VALLE D’AOSTA

TRENTINO

ALTO ADIGE

In Alto Adige sono 331 i nuovi casi, su 10.227 tamponi processati nella giornata di ieri. Nessuna persona è deceduta per un dato che resta di 1.260 vittime da inizio pandemia. I pazienti Covid ricoverati in ospedale sono 96 nei normali reparti e 18 in terapia intensiva. I pazienti Covid post-acuti ricoverati nelle strutture private convenzionate sono 72. Su 265.501 persone sottoposte a tampone molecolare, 94.197 sono risultate positive.

PIEMONTE

Dati Covid in linea con quelli dei giorni scorsi in Piemonte: oggi l’Unità di Crisi della Regione ha comunicato 1.215 nuovi casi, con un tasso di positività del 2,5%, inferiore rispetto allo 2,7% di ieri. I tamponi diagnostici processati sono 48.798, di cui 41.175 antigenici, la quota di asintomatici tra i nuovi positivi è del 61,9%. In leggero aumento il numero dei ricoverati: + 1 in terapia intensiva, dove il totale dei pazienti è ora 44, negli altri reparti +10, totale a 463. E’ stato registrato un nuovo decesso, +685 i guariti. Dall’inizio della pandemia in Piemonte si sono avuti 413.093 casi positivi, 11.910 decessi e  385.807 guariti.

Vaccini, il traguardo dei cento milioni. E il governo preme: anticipate le consegne

VENETO

Sono 1928 i positivi delle ultime 24 ore, dopo i 3.516 contagi della giornata di ieri, mentre si registrano 4 vittime. Lo riferisce il bollettino della Regione aggiornato alle ore 8 di oggi. Il totale degli infetti dall’inizio della pandemia raggiunge i 540.695, quello dei decessi i 12.027. Le persone attualmente positive e in isolamento sono 43.619 (+1.054). Netto l’aumento dei ricoveri negli ospedali. I ricoverati per Covid sono oggi 797 (+56): nelle aree mediche sono 741 (-31), quelli nelle terapie intensive 132 (+3).

Made with Flourish

LOMBARDIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi su 5.207 tamponi molecolari sono stati rilevati 643 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 12,34%. Sono inoltre 6.940 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 120 casi (1,72%). Nella giornata odierna si registrano i decessi di 5 persone:  un uomo di 88 anni di Ronchi dei Legionari (deceduto in ospedale), un uomo di Pordenone di 86 anni (deceduto in ospedale), un uomo di 81 anni di Sacile (deceduto in ospedale), un uomo di 80 anni di Azzano Decimo (deceduto in ospedale) ed infine un uomo di 74 anni di Codroipo (deceduto in ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 25, così come scendono a 297 i pazienti presenti in altri reparti.

I decessi complessivamente ammontano a 4.048, con la seguente suddivisione territoriale: 940 a Trieste, 2.055 a Udine, 726 a Pordenone e 327 a Gorizia. I totalmente guariti sono 124.725, i clinicamente guariti 275, mentre quelli in isolamento risultano essere 7.700. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 137.070 persone  con la seguente suddivisione territoriale: 32.859 a Trieste, 58.538 a Udine, 26.861 a Pordenone, 16.909 a Gorizia e 1.903 da fuori regione.

Per quanto riguarda il sistema sanitario regionale, è stata rilevata la positività di un operatore tecnico e un operatore socio sanitario dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale; di un amministrativo, un collaboratore tecnico, un operatore tecnico, un commesso e un infermiere dell’Azienda sanitaria universitaria giuliano-isontina; un infermiere dell’Azienda sanitaria Friuli occidentale; di un infermiere dell’Irccs Burlo Garofolo. Sono stati rilevati poi tre casi tra gli ospiti delle residenze per anziani presenti in regione (Cividale, Trieste e Muggia) mentre risultano essere positivi due operatori all’interno delle strutture stesse (Pordenone e Duino Aurisina).

Made with Flourish

LIGURIA

EMILIA-ROMAGNA

TOSCANA

Sono 659, età media 37 anni, i nuovi casi in Toscana, dove oggi si registrano 4 decessi: un uomo e 3 donne, con un’età media di 85,8 anni (2 a Firenze, 1 a Pisa, 1 a Livorno). I ricoverati sono 325 (8 in più rispetto a ieri), di cui 47 in terapia intensiva (stabili). Dall’inizio dell’epidemia in Toscana sono 307.217 i casi di positività e 7.441 i deceduti.

I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 288.498 (93,9% dei casi totali) mentre gli gli attualmente positivi sono oggi 11.278. Oggi sono stati eseguiti 8.085 tamponi molecolari e 9.850 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3,7% è risultato positivo. Sono invece 5.653 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui l’11,7% è risultato positivo.

Dei 659 nuovi positivi il 31% ha meno di 20 anni, il 21% tra 20 e 39 anni, il 29% tra 40 e 59 anni, il 14% tra 60 e 79 anni, e il 5% ha 80 anni o più. Complessivamente, 10.953 persone (+263) sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi. Sono 27.286 (-181) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con contagiati.

I primi risultati di laboratorio su Omicron: “Netto calo dell’efficacia degli anticorpi, ma la terza dose li riporta in alto”

UMBRIA

LAZIO

MARCHE

Sono 195 i positivi rilevati nelle ultime 24 ore, un numero basso rispetto ai giorni precedenti, ma legato all’effetto del giorno festivo, con meno tamponi processati. Secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale, sono infatti 1.404 quelli analizzati nel percorso diagnostico screening (su 2.453 totali, più 775 test antigenici). Il tasso di incidenza cumulativo ‘crolla’ a 174,03 (ieri era oltre 190).

Sempre secondo l’Osservatorio Regionale, il 77% dei pazienti nelle terapie intensive non è vaccinato, il 23% lo è, mentre in area medica non è vaccinato il 59% dei degenti, ed è vaccinato il 41%. Sui casi positivi generali il 58% non è vaccinato, il 42% lo è.  Sono 45 i casi nella fascia di età 25-44 anni, 44 in quella 45-59, 22 in quella 60-69, 18 in quella 6-10 anni.

Continua il trend che vede la provincia di Ancona con il maggior numero di casi, 90, seguita da Macerata con 69, Ascoli Piceno con 17, Pesaro Urbino con 15, Fermo con 1 e 3 fuori regione. I soggetti sintomatici sono 48, i contatti domestici sono 69, i contati stretti di caso positivo sono 44, i positivi in setting scolastico/formativo sono 4, per 22 casi sono in corso approfondimenti epidemiologici.

Un caso di variante Omicron è stato individuato anche nelle Marche. È una minorenne che viaggiava con i familiari a bordo di un volo dell’Ethiopian Airlines e che ora si trova in isolamento a Tolentino (Macerata) insieme ai contatti più stretti.

ABRUZZO

MOLISE

CAMPANIA

Sono 776 i nuovi casi di covid registrati in Campania nelle ultime 24 ore, a fronte di 18.239 tamponi processati, mentre sono ì 11 i decessi di cui 10 nelle ultime 24 ore e 1 in precedenza, ma registrato ieri. Sono 25 i posti letto occupati di terapia intensiva (656 il totale dei disponibili); 348 i posti letto di degenza occupati (3.160 il totale dei disponibili).

BASILICATA

In Basilicata sono 114 i nuovi casi di contagio da Sars Cov-2, su un totale di 1.473 tamponi molecolari, e non si registrano decessi per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale della task force riferito alle ultime 48 ore. I lucani guariti o negativizzati sono 84. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 20 (+2) di cui 1 in terapia intensiva. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 1.239 (+30). Per la vaccinazione, in due giorni sono state effettuate 5.146 somministrazioni di cui circa 4.400 sono terze dosi. Finora 439.737 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (79,5 per cento del totale della popolazione residente in Basilicata, compresi under 12), 407.693 hanno completato il ciclo vaccinale (73,7 per cento) e 80.708
sono le terze dosi (14,5 per cento), per un totale di 928.138 somministrazioni effettuate.

Gimbe, l’epidemia non frena: più 22% di casi e 12% di decessi. Ma corrono anche le terze dosi

PUGLIA

Oggi in Puglia sono stati registrati 16.663 test e 229 casi positivi: 87 in provincia di Bari, 9 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 21 in quella di Brindisi, 75 in provincia di Foggia, 30 in provincia di Lecce, 2 in provincia di Taranto, 2 residenti fuori regione e 3 di provincia in via di definizione. Inoltre, è stato registrato un decesso.

Attualmente sono 4.886 le persone positive, 136 sono ricoverate in area non critica e 18 in terapia intensiva. Complessivamente dall’inizio dell’emergenza i casi totali sono 282.210 a fronte di 4.965.030 test eseguiti, 270.419 sono le persone guarite e 6.905 quelle decedute.

Made with Flourish

CALABRIA

SICILIA

In Sicilia 789 nuovi positivi al Covid e 2 morti che fanno salire i casi totali a 330.768 e i decessi a 7.262. Gli attuali positivi sono 14.543, +534; i guariti 308.963, +253. La maggior parte dei nuovi casi si e’ registrata nelle province di Catania (232) e Messina (210); 85 in quella di Palermo. I ricoverati con sintomi sono 339, 48 in terapia intensiva, 3 del giorno; 16.274 i tamponi effettuati, molto meno del solito. L’indice di positivita’ sale al 4,8% a fronte del 4% nazionale.

SARDEGNA

Si registrano oggi 181 casi, sulla base di 1.965 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 7.377 tamponi. Il tasso di positività sale al 2,4%. Si registrano due decessi, un uomo di 77 anni, residente nella provincia del sud Sardegna, e un’altra persona residente nella provincia di Nuoro. Nell’isola i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 9 (uno in più di ieri), 93 quelli in area medica (4 in più di ieri). Infine sono 2.954 i casi di isolamento domiciliare (40 in meno di ieri).

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source