Gravina, niente Mondiale ma continua il rinnovamento

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – FIRENZE, 14 NOV – “Non andiamo al Mondiale ma stiamo andando avanti con il rinnovamento, anche se questo comporta dei rischi: abbiamo centrato vittorie come l’Europeo ma anche sconfitte importanti, abbiamo vinto e perso per qualche rigore, anche se contro la Svizzera ci mancarono 8-10 giocatori per Covid… Di sicuro continuiamo a lavorare per crescere e migliorare. E altri successi arriveranno presto”. Lo ha detto il presidente della Figc, Gabriele Gravina, durante la presentazione, a Coverciano, di ‘Allenatori d’Italia’, storia, storie e numeri in forma di primo dizionario dei 603 tecnici della Serie A dal 1929 ad ora, a cura di Gianni Marchesini e Andrea Santoni.    Fra i presenti, anche il numero 1 dell’Associazione allenatori, Renzo Ulivieri, e il ct della nazionale Roberto Mancini. “La scuola allenatori di Coverciano è la migliore al mondo, questo è un libro che manca, complimenti” le parole di Mancini. “Non andremo al Mondale non perché non abbiamo tecnici bravi visto che, come dicono tutti, quelli italiani sono i migliori – ha aggiunto Gravina – ma perché è venuta a mancare quella convinzione progettuale necessaria a far incrociare il talento e l’opportunità. Di talenti ne abbiamo diversi, basta vedere i recenti successi dell’Under 15 e 16. Bisogna però dare ai talenti l’opportunità di essere valorizzati. Mancini al riguardo sta facendo un lavoro incredibile, mi auguro lo facciano sempre più anche altri”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source